Menu
Ricevi 4 preventivi
Ricevi 4 preventivi gratuiti
Cerca per parole chiave

Articoli: Zona Giorno

Mansarda: progettare uno spazio multifunzionale di design
Visite ricevute
90
Immagini dell'articolo
7
Avere a disposizione una mansarda abitabile è un fattore davvero molto utile, perché permette di sfruttare e valorizzare dello spazio aggiuntivo presente in casa, oltre a far aumentare di valore l’intero lotto del proprio edificio. Progettare una mansarda implica necessariamente una valutazione a priori fondamentale, da cui deve scaturire l’idea di che cosa si vuole inserire al suo interno. In base alle esigenze e necessità può essere vista o come un appartamento indipendente o come un ulteriore piano o di casa da organizzare collocato sotto il tetto dell’abitazione. Nella maggior parte dei casi quest’area viene riconvertita quando i figli crescono e necessitano di un luogo appartato per sé stessi e per ospitare anche gli amici. Ma come progettare uno spazio multifunzionale di design da utilizzare come zona giorno, ma che comprenda anche un locale da adibire a zona notte? Dal momento che in una mansarda non sono quasi mai presenti pareti divisorie, pianificare un open space funzionale e pratico, è senza alcun dubbio l’ipotesi migliore per arredare questo ambiente. I fattori da considerare, per progettare una mansarda con zona giorno + zona notte, riguardano: la creazione di un’area relax in un living accogliente; l’organizzazione di una camera da letto ad hoc; l’ideazione di un’area perfetta per lo studio; di uno spazio attrezzato per l’attività fisica. Progetto mansarda: open space funzionale e pratico Organizzare le grandezze a disposizione in un open space funzionale e pratico, è l’approccio da abbracciare quando si intende affrontare un progetto in mansarda. Piccoli ambienti e stanze con altezze non continue, non possono in questo caso essere considerate, nemmeno se i punti minimi della copertura permettono di poter camminare senza abbassarsi. Non avere ingombri di tramezzi e porte a battente permette di avere più libertà di accesso e spostamento nell’intero ambiente unico. Avere uno spazio aperto abitabile, proporzionato e reso coordinato da una linea comune di arredo e accessori, permette di dare vita ad una realizzazione comoda, confortevole e pratica sotto ogni punto di vista. Le mansioni all’interno di una mansarda dedicata ai ragazzi di casa, sono immediatamente riconoscibili ed essenzialmente riguardano l’inserimento di un ampio salotto, una camera da letto minimalista, una zona studio organizzata e un’area per il tempo libero ben attrezzata. Queste 4 competenze vengono inglobate le une nelle altre in modo preciso e studiato, dove i metri a disposizione vengono ben distribuiti per dare la giusta importanza a ciascuna. Progetto mansarda: relax in un living accogliente La zona giorno di una mansarda, ovvero quella più utilizzata e sfruttata, detiene naturalmente la dimensione più importante, pur inglobandosi armonicamente e senza problematiche particolari con le altre 3 funzioni. Optare per un arredo semplice e comodo aiuta ad organizzare l’area divani, dove soluzioni componibili vanno per la maggiore. Questa opzione permette di spostare all’occorrenza le varie sedute e di trovare la perfetta combinazione per ogni situazione che si viene a creare. La finitura in pelle, più delicata, è ottimale per essere igienizzata facilmente con un panno, ma un tessuto sfoderabile forse è maggiormente indicato quando si pensa di organizzare feste con gli amici e pigiama party notturni. Lampade da terra, tavolini da caffè, tappeti, cuscini e tv completano il look di un living accogliente e dedicato al relax. Il tutto sempre connotato dall’utilizzo di materiali non facilmente deteriorabili e maggiormente agevoli da pulire. Progetto mansarda: una camera da letto ad hoc Quando la metratura lo permette, molto spesso una mansarda organizzata per accogliere amici con divanetti pratici e sfiziosi, in una zona giorno arredata nel dettaglio, si trova lo spazio anche per inserire una camera da letto ad hoc, grazie all’impiego di semplici complementi d’arredo. Nessuno si deve immaginare la classica zona notte con armadi, letto, comodino e cassettiere. Quasi sempre tutti questi elementi vengono meno. Cassettiere multifunzionali vanno per la maggiore, ma caratterizzate da design eccezionali, che non fanno notare che si tratti del tipico comò che contiene i calzini. I tavolini da notte vengono eliminati e l’idea del tradizionale comodino svanisce, lasciando spazio a consolle porta tv, dove ci si può appoggiare l’occorrente per la notte. Il letto può essere gestito come un ulteriore seduta aggiuntiva quando gli amici sono davvero tanti e arricchito da piumoni facili da gestire, colorati e immediatamente sistemabili. Progetto mansarda: un’area perfetta per lo studio Se una mansarda, per un ragazzo o una ragazza, diventa un vero e proprio mini appartamento con zona giorno + zona notte annessa, allora creare qui un’area per lo studio è una soluzione adatta, e perfetta conseguenza dell’organizzare al meglio le esigenze di un teenager. Gli studenti passano davvero molte ore davanti a libri e computer e rendere accogliente e ospitale questo luogo, aiuta e facilita la concentrazione, rendendo meno pesante il tempo da trascorrere a fare compiti e a imparare lezioni. Se sono presenti aperture, quali abbaini o lucernari, sarebbe indicato disporre in questo spazio una bella e capiente scrivania, per godere appieno della luce naturale in ingresso. Un luogo buio e poco confortevole non incoraggia di certo lo studio. Per contenere il materiale scolastico si può pensare di organizzare dei mobili contenitori ai lati del piano di lavoro e utilizzarli per questo scopo e per riporvi anche biancheria e abiti. Una sedia comoda ed ergonomica aiuta a mantenere una corretta postura del corpo, evitando dolori e mal di schiena, ma se preferite una seduta di design, cercatene una con schienale abbastanza e dotatela di cuscino rigido. Mansarda: uno spazio attrezzato per l’attività fisica Molti teenager amano tenersi in forma e dedicano parte del loro tempo libero a svolgere dello sport e della ginnastica. Quando non è possibile farlo in palestra o nelle aree outdoor di casa, avere un luogo interno dove potersi allenare è importante. Pensare di creare in mansarda uno spazio attrezzato per l’attività fisica, non richiede eccessivi metri quadrati a disposizione, perché molte attrezzature possono essere collocate a muro, sospese alle travi del tetto o collocate a terra in angoli che altrimenti non sarebbero sfruttati. Ecco che un ambiente aggiuntivo in casa si rende davvero versatile, prestandosi molto bene ad essere organizzato anche per attività da svolgere nel tempo libero in autonomia e senza vincoli, non disturbando gli altri membri della famiglia.
8 bellissimi orologi da parete per arredare casa
Visite ricevute
1158
Immagini dell'articolo
10
Arredare casa per rendere trendy le pareti di una zona giorno, implica la necessità di inserire degli accessori ad hoc, che possano essere al contempo funzionali ed esteticamente perfetti in un progetto di grande stile. Solitamente quadri, mensole o un’illuminazione studiata, sono i primi elementi a cui si pensa per poter arricchire un soggiorno, una cucina, uno studio o un ingresso. In pochi si soffermano nell’immediato sulla possibilità di inserire degli orologi da parete, ma una volta trovato il pezzo giusto, si rimane oltremodo colpiti da ciò che questo tradizionale oggetto, riesce ad infondere nei vari ambienti di un’abitazione. I fattori che influiscono sulla scelta di uno o più orologi, che devono caratterizzare con eleganza e personalità una zona giorno, riguardano: la forma: rettangolare, quadrata, ovale o circolare; la dimensione: mini, standard o extra large; il colore: monocromo o multi color di struttura e quadrante; la presenza o meno di lancette; l’inserimento o meno di una cornice; la possibilità di non avere numeri o di sceglierli tra quelli arabi o romani. La mescolanza di questi ingredienti sopra citati, dà adito a stili differenti che connotano ciascun orologio da parete, un perfetto accessorio che definisce e completa una zona giorno di classe. Casa di tendenza con orologi minimal in total white Come abbiamo anticipato, l’abbinamento di più elementi che riguardano forma, dimensione, colore e tante altre variabili, connota lo stile di orologi da parete di tendenza, per arredare la propria zona giorno di casa in modo originale e funzionale. Una nuance neutra, in total white, delineata dalla semplicità delle lancette e dall’assenza di numeri, caratterizza un accessorio unico nel suo trend minimal, che è perfetto in ambienti essenziali e ricercati come un angolo lettura, uno studio o una entryway davvero formidabile. Casa di stile con orologi da parete rettangolari Chiunque, pensando ad una forma per un orologio da parete, ricade sul classico e tradizionale quadrante circolare. E’ indubbio che tale linea sia quella maggiormente impiegata, ma alcune varianti sono altrettanto funzionali e leggermente fuori dal comune. Arredare una casa di stile, e con degli accessori a volte insoliti, stravaganti e sensazionali, aiuta a rendere più personale una zona giorno che altrimenti ricadrebbe nella consuetudine di progetti che seguono la moda, ma che risultano un pochino standardizzati. Azzardate con orologi da parete rettangolari, inusuali e fuori dal comune. Riuscirete a rendere accattivanti degli ambienti in modo sensazionale uscendo dai soliti schemi.  Orologi in casa: retrò con i numeri romani Non a tutti vanno a genio e non sempre sono ben armonizzati con l’arredo circostante. Gli orologi da parete in casa con i numeri romani, non hanno vie di mezzo: o piacciono o non piacciono! In base a determinate scelte sul materiale, forma e colore, riescono a determinare il tempo e l’epoca che connotano gli interni di casa, con un gusto retrò distintivo e mai fuori moda. Casa trendy: orologi in legno dal sapore country chic Alcuni materiali, abbinati a dettagli significativi, hanno la capacità di orientare un progetto di interni verso uno stile ben preciso. Orologi in legno mescolati al metallo, riescono ad infondere calore agli ambienti di una zona giorno esaltando un sapore country chic legato ad una tradizione artigianale, ma rivisitata in chiave contemporanea ed elegante. Un elemento di spicco su una parete che sopra un divano, accanto a uno scrittorio o tra mensole e librerie accresce lo stile e il look ricercato coniugando estetica e funzionalità. Zona giorno di stile: orologi in versione dark Se la versione total white risulta versatile e abbinabile a qualsiasi stile si abbia in casa, anche quella dark non è da meno e si distingue e applica perfettamente a ciascun ambiente, in base alle commistioni che vengono scelte. Orologi da parete con quadrante nero, assenza di cornice e lancette lineari sono perfetti per un look urban o industrial. Per contro sfondo bianco, cornice nera e numerazione romana, delineano un oggetto distintivo e tipico da inserire in ambienti eleganti in un classic chic senza tempo. Per gli amanti dell’ecclettismo, appendere un orologio da parete nella zona giorno, con struttura metallica, senza sfondo e con numeri in rilievo, è sicuramente un modo ottimale per celebrare la diversità per eccellenza. Questo sia nell’utilizzo di elementi classici che contemporanei nonché materici, ma che in un accessorio d’arredo poliedrico, riescono a trovare un vero e proprio equilibrio. Orologi di stile in casa: big vs small Se finora abbiamo parlato di tanti fattori che caratterizzando un orologio da parete, delineano anche uno stile e una tendenza, è ora di valutarne uno che riguarda le dimensioni e proporre delle soluzioni per valutare la contrapposizione di elementi big vs small. I formati XXL sono piacevoli alla vista e in ambienti open e ariosi sono indicati per poter essere visionati da ciascun punto. Sono anche perfetti per arredare quelle pareti un po' complicate, su cui non si sa bene cosa appendere. Con un unico e pratico accessorio, si riesce a risolvere la problematica di riempire uno spazio con un oggetto bello, personale e anche utile. Per contro la taglia S è indicata per essere collocata su colonne, pilastri o inserti di muro che diventano degli angolini accoglienti e ospitali, su cui porre un dettaglio che arricchisce e completa un progetto di home decor. Orologio nella zona giorno: materico e stilizzato Grandi orologi da parete diventano un preciso punto focale, verso cui l’occhio viene indirizzato quando si entra in un ambiente di una zona giorno, specialmente se si parla di temi inerenti il materico e lo stilizzato. Oggetti tridimensionali legati al materiale di produzione diventano quasi delle opere d’arte da inserire in molti contesti d’arredo. Elementi senza quadrante, con una sola struttura che racchiude nella sua schematizzazione delle linee pure e continue, si adattano molto bene a zone giorno con uno stile ben definito e di solito moderno. Ma anche in ambienti eclettici, dove più orientamenti si fondono, trovano perfetta collocazione con un risultato trendy e chic.
Divisori modulari: utili per separare gli ambienti di casa
Visite ricevute
1270
Immagini dell'articolo
9
I divisori modulari sono un’ottima e utile soluzione per separare gli ambienti di casa, senza dover necessariamente ricorrere a costruzioni fisse, economicamente più dispendiose e con ingombri voluminosi che non possono essere facilmente rimossi. Avere degli open space all’interno di un’abitazione è una tendenza molto in voga, ma spesso per esigenze che cambiano e necessità che si evolvono nel tempo, molti padroni di casa si trovano a dover dividere alcuni spazi con qualche difficoltà. Coniugare efficienza ed estetica richiede un’attenta analisi dei prodotti che si andranno a scegliere per creare questa separazione temporanea o che potrà diventare all’occorrenza anche permanente. Il mercato odierno offre prodotti davvero efficaci e dallo spiccato design, con opzioni per ogni budget preventivato. Oltre alle misure, alle linee e allo stile, un fattore fondamentale che indirizza verso una scelta d’acquisto ad hoc, riguarda il materiale di questi pannelli. I divisori modulari nella zona giorno vengono messi a confronto in base alle alternative materiche che li contraddistinguono e che in qualche modo determinano l’orientamento stilistico di una casa. Tra gli elementi più richiesti, per separare gli ambienti di casa, troviamo: divisori modulari in legno; divisori modulari in metallo; divisori modulari in vetro e metallo; divisori modulari in plastica; divisori modulari in stoffa. Divisori modulari in legno per la zona giorno I divisori modulari in legno per la zona giorno sono tra le ideazioni più considerate per separare gli interni di casa in modo elegante e versatile. Il legno si presta benissimo ad essere inserito in più contesti, rendendoli all’occorrenza più tradizionali o maggiormente innovativi, ma aggiungendo sempre tanto calore che avvolge e accoglie. Le soluzioni a livello di disposizione, disegni, colori e finiture sono davvero tantissime e tutte connotate da una grande personalità. Questi divisori modulari diventano delle vere pareti mobili che decorano la zona giorno e che possono essere rimosse senza difficoltà. Per aumentarne la robustezza i pannelli chiusi o aperti, possono essere inseriti in guide a soffitto o in stabili strutture ancorate a travi o soffitti con tecniche poco invasive e facilmente smontabili. Divisori modulari: in metallo nella zona giorno Per una zona giorno alla moda, con uno spiccato appeal tendente al moderno e all’industriale, impiegare dei divisori modulari in metallo, è la scelta senz’altro più appropriata da valutare. Questi moduli metallici hanno strutture molto leggere e lineari, tipiche di uno stile minimal e contemporaneo. Per arricchirle e renderle maggiormente piene, i designer di oggi hanno creato dei contenitori che si adattano per dimensioni e collocazioni, a creare delle pareti funzionali, oltre che belle da vedere. Tali recipienti diventano dei raccoglitori versatili per riporre qualsiasi oggetto: da piante a libri, da stoviglie a barattoli per la dispensa. Progetti di questo tipo sono perfetti per utilizzare dei divisori modulari in metallo che separano ad esempio una cucina da un soggiorno, ma che al contempo decorano entrambi i lati degli ambienti in modo chic e non invadente. Divisori modulari con pieni e vuoti che risultano perfetti per chi vuole separare, ma non schermare completamente. Divisori modulari nella zona giorno: in vetro e metallo Anche le commistioni di materiali sono esclusive quando si pensa di utilizzare dei divisori modulari per separare una zona giorno. Pannelli in vetro e metallo sono una delle tante opzioni disponibili e applicabili in svariate modalità. Creazioni a tutt’altezza o intervallate dalla preesistenza di muretti in loco, trasformano degli ambienti completamente aperti in spazi divisi, ma con una leggerezza particolare che esalta e agevola anche il passaggio di luce tra le stanze. Le strutture possono essere realizzate con profili più o meno sottili, con tubolari piatti o arrotondati e con disegni diversi a seconda delle preferenze dei padroni di casa. In porzioni rettangolari o a quadrotti, simmetriche o decentrate, la parte vetrata viene sempre inglobata nel telaio, per ricreare l’illusione di avere una vera e propria finestra interna. Da qui è possibile potersi affacciare per osservare i piccoli di casa che giocano nella stanza accanto o per conversare con ospiti in salotto, appena al di là della nostra zona d’azione e facilmente raggiungibili con lo sguardo e la parola, trattandosi di divisori modulari comunque non completamente chiusi. Divisori modulari in plastica per la zona giorno Se la plastica può far venire in mente ideazioni per budget ridotti, con un design standardizzato e che non ha lunga vita a livello qualitativo, è perché non ci si è mai soffermati sulle ultime realizzazioni in termini di divisori modulari, davvero ottimali per rendere indipendenti le varie aree di una zona giorno. Il classico separé diventa un elemento trendy e rivisitato nei disegni e nelle colorazioni, pur continuando a sfruttare la classica struttura pieghevole su sé stessa, con cerniere a vista e facilmente removibile e trasportabile. I materiali plastici rigidi impiegati oggi giorno, maggiormente resistenti, riciclati e tinteggiati con vernici non nocive, rendono questi pannelli modulari dei veri e propri oggetti decorativi per la casa, che oltre alla loro primaria mansione di dividere, diventano un accessorio d’arredo molto bello da vedere. Coordinato con lo stile di una zona giorno, la arricchisce pur non diventando invadente e in soluzioni di linee traforate, permette di separare pur lasciando quella possibilità di vedo non vedo, che non occlude la vista smorzata su entrambe le stanze.  Divisori modulari in stoffa nella zona giorno Oggi giorno esistono sul mercato delle opzioni che sono l’evoluzione di sistemi impiegati da lungo tempo, e che hanno visto un’innovazione crescente nel campo dei divisori modulari in stoffa nella zona giorno. Considerati delle semplici e non così esteticamente accattivanti tendine, che di solito dividevano la zona cottura dal tinello o dal soggiorno, hanno in realtà subito delle enormi varianti a livello di concezione tessile, trovando nuovi modi per divenire dei supporti utili, funzionali e belli in casa. Disegni particolari e unici abbinati a colori chic e di tendenza, danno vita a pannelli leggeri ed eclettici che ben si sposano in tanti progetti d’interni e che rendono giovanili, estroversi e ospitali, i vari ambienti in cui sono inseriti. Un’opzione fresca, facilmente lavabile e removibile per separare e cambiare continuamente look a spazi di casa tutti da vivere.
Mobili a giorno di design per arredare casa
Visite ricevute
1318
Immagini dell'articolo
10
Utilizzare dei mobili a giorno di design per arredare casa è una tra le tante soluzioni di successo, che permettono di rendere unica una zona giorno di tendenza e al contempo funzionale. E’ senz’altro vero che un complemento d’arredo chiuso con ante e cassetti consente di permettersi un leggero disordine al suo interno, ma la linearità e la bellezza estetica di strutture a vista, crea un’atmosfera riposante e più leggera in qualsiasi contesto sia inserita. In soggiorni contemporanei, in un corridoio country chic, in un bagno boho jungle o in una cucina scandinava, i mobili a giorno si inseriscono alla perfezione. Ciascuno, caratterizzato dal proprio stile con colori e finiture decisamente evidenti e connotanti, tipiche dell’orientamento che li contraddistingue, si colloca in modo ottimale per ospitare libri, set per il trucco, vasi e soprammobili, piatti e servizi da tè. Ma come arredare le pareti di casa con mobili a giorno e saper districarsi nella scelta di tante opzioni differenti? Molti sono gli elementi che influenzano tale decisione e ognuna con opportunità e riscontri diversi a seconda del contesto e delle esigenze. Ad ogni ambiente può essere abbinata una tipologia di composizione di design, che prevede sostanzialmente 5 varianti per arredare casa e che riguardano: soluzioni con mobili a giorno completamente aperti; opzioni di mobili a giorno componibili; idee per mobili a giorno dalle forme originali; alternative per mobili a giorno sospesi; possibilità di mobili a giorno con pieni e vuoti. Ingresso: mobili a giorno completamente aperti I mobili a giorno completamente aperti sono perfetti in contesti dove la metratura è decisamente scarsa e lo spazio disponibile si riduce al minimo. Inserire tali complementi in un ingresso di casa, facilita la necessità di avere dei piani d’appoggio funzionali, per riporre chiavi, telefoni e guanti, mantenendo comunque un livello estetico elevato e senza appesantire l’intera area. Il fatto di avere strutture integrali a vista, leggere e poco invasive, è un fattore positivo perché denota una maggiore ariosità che è da ricercare in molte entryway davvero contenute. In altri casi può succedere invece esattamente l’opposto. Spesso capita di trovarsi di fronte a lunghi e larghi corridoi dove andranno necessariamente inseriti degli arredi ma dove non si dovrà incappare nell’errore di esagerare con troppo elementi. Rimanere sull’essenziale e a volte sul minimalismo degli oggetti, aiuta a valorizzare l’inserimento dell’arredo stesso e a farlo spiccare magari con forme e materiali inaspettati. Strutture geometriche curvilinee con una commistione materica, trasformano dei mobili a giorno completamente aperti in vere opere d’arte, da godere quotidianamente ogni qual volta si entra in casa. Living: mobili a giorno componibili I mobili a giorno componibili in un living, vanno per la maggiore quando ci si appresta a realizzare una parete attrezzata per una zona giorno di gran classe. Parallelepipedi di tante dimensioni, colori e finiture, si alternano in composizione geometriche infinite e che a seconda della loro struttura infondono sensazioni diverse ai soggiorni open space di un’abitazione. Ciò che li rende così apprezzati è la versatilità del loro utilizzo e la possibilità di cambiare disposizione a seconda di ciò che vi andrà inserito all’interno. Disegni simmetrici e lineari sono perfetti per creare una libreria componibile che si può ingrandire man mano che i volumi aumentano. Opzioni più irregolari e movimentate sono da preferire su pareti ampie e che magari devono ospitare altri elementi, come televisioni appese, quadri e orologi. Studio: mobili a giorno dalle disposizioni originali Anche in una zona giorno più appartata come uno studio, necessità di arredi utili e dallo stile inconfondibile, che fungano da piani d’appoggio per una serie di elementi indispensabili per questo spazio. Molti mobili a giorno vengono tradizionalmente collocati sulle pareti adiacenti la scrivania o accanto ad una finestra, ma sperimentare cose nuove è ciò che rende l’interior design un settore sempre in evoluzione. Provare delle disposizioni originali e a volte dettate dallo sfruttamento di uno spazio particolare, porta ad avere mobili a giorno applicati a parete in luoghi inaspettati. Se la scrivania dello studio è rivolta verso la parete finestrata, per sfruttare la luce naturale, e la larghezza dell’ambiente consente un’installazione unica, avere ad un’altezza consona un complemento ad hoc, chiude senza opprimere uno spazio raccolto e accogliente, in un’ideazione originale e senza eguali. Bagno: mobili a giorno sospesi Anche all’interno di un bagno i mobili a giorno sono da sempre un escamotage utilizzato, soprattutto per accessori come profumi e trousse di trucchi, decisamente da lasciare in vista. Opzioni salvaspazio e utili per essere agevolmente igienizzate sia internamente che all’esterno, ricadono nelle alternative di complementi a giorno sospesi. Più pratici delle solite mensole e con design meno scontati e più accattivanti, rendono accogliente una zona giorno di servizio dallo stile spiccato e con un tocco più personale e soggettivo. Cucina: mobili a giorno con pieni e vuoti Una cucina di oggi si può sviluppare seguendo concezioni innovative e andando controcorrente rispetto alla tradizionale idea di angolo cottura. Molto spesso vengono aggiunte delle parti, anche in zone non contigue a lavabi e fornelli, dove vengono progettate aree bar, zone snack e così via. I mobili a giorno con pieni e vuoti sono formidabili per raggiungere uno stile trendy e che al contempo soddisfi la praticità di uno spazio molto vissuto di casa. Come per altre soluzioni, anche qui la commistione di materiali è assolutamente ben accetta anche per enfatizzare il cambio tra gli spazi chiusi e quelli aperti, così come la diversità di profondità che caratterizza la parte dei pieni e dei vuoti. In generale la parte bassa del mobile stesso è caratterizzata da uno spessore maggiore, dove riporre cibi e ingredienti vari nascosti da ante o cassettoni che possono essere oscurati o trasparenti. In quella soprastante a vista trovano sede bicchieri, tazze, bottiglie pregiate e spezie, ottime da lasciare esposte per la loro funzionalità e per aggiungere una nota di design ad una zona giorno importante di casa.
Living: arredare gli spazi in maniera multifunzionale
Visite ricevute
1325
Immagini dell'articolo
10
Il living è uno spazio in cui si trascorre molto tempo, dedicandosi a svariate attività oltre a trascorrere momenti di semplice relax. Organizzare questo spazio in modo da assecondare le proprie esigenze consente di avere il massimo del comfort. Per organizzare un living multifunzionale in maniera efficace l'arredamento di questo ambiente deve essere appropriato allo svolgimento di ognuna delle attività stabilite, anche prevedendo soluzioni come: divisioni flessibili; zone indipendenti; arredi versatili; mobili trasformabili. Oltre alla praticità, per ottenere uno spazio multifunzione gradevole è necessario arredare in maniera da creare armonia tra le diverse componenti. Utilizzare materiali, colori e stili che abbiano un linguaggio comune in tutte le zone del living, pur mantenendo una certa varietà è la strada per ottenere un buon risultato. Affinché si possa organizzare il living in maniera multifunzionale non è necessario disporre di uno spazio particolarmente ampio. Per living di pochi metri quadrati si possono utilizzare a questo scopo soluzioni intelligenti e salvaspazio con cui ottimizzare l'uso della superficie disponibile grazie all'ingombro ridotto. Living versatile: area relax e workspace Chi lavora in casa ha la necessità di individuare uno spazio in cui inserire il workspace ed il living è uno degli ambienti da considerare. Per allestire lo spazio di lavoro all'interno del living è necessario individuare una zona sufficientemente ampia ed abbastanza indipendente rispetto all'area relax, in modo che ci possa essere una netta distinzione tra le due attività. Avere le due zone a debita distanza consente di potersi concentrare quando si lavora, così come di potersi rilassare pienamente senza pensare al lavoro nel proprio tempo libero. Integrare lo spazio di lavoro all'area relax richiede l'utilizzo di un arredamento che non sia troppo da ufficio, ma che abbia lo stesso linguaggio dei mobili della casa. Gli arredi principali come la scrivania e la sedia avranno quindi linee e finiture che si abbinano bene con l'arredamento del living. Living con sala musica incorporata Chi suona uno strumento musicale può avere la necessità di realizzare uno spazio dove esercitarsi all'interno del living.  A seconda delle dimensioni dello strumento occorrerà disporre di una superficie proporzionata da destinare alla sala musica incorporata nel living. Per un pianoforte a coda, ad esempio è necessario prevedere oltre allo spazio per lo strumento stesso e per sedersi comodamente a suonare anche lo spazio per poter passare intorno agevolmente. Se si lascia uno spazio vuoto intorno allo strumento, inoltre, la sua presenza nell'ambiente risulterà valorizzata e diventerà un elemento decorativo all'interno del living. Per combinare la sala musica al living non è necessario prevedere delle divisioni nette, in quanto si tratta di due tipologie di ambiente che possono convivere senza problemi. L'inconveniente potrebbe essere il disturbo arrecato ai vicini a causa del volume della musica per cui potrebbe essere necessario prevedere un'insonorizzazione delle pareti del living. Un buon isolamento acustico migliorerà inoltre la qualità del suono. La sala musica all'interno del living consentirà anche di poter intrattenere i propri ospiti con delle esibizioni musicali accogliendoli in un ambiente confortevole. Living con zona notte indipendente Un esempio di come gestire spazi multifunzionali con zone indipendenti è rappresentato dalla convivenza tra zona giorno e zona notte, una caratteristica comune nelle abitazioni come loft o monolocali. Qui si ha l'esigenza di arredare gli ambienti creando una separazione tra l'area dedicata alle attività quotidiane e l'area dedicata al riposo notturno in modo da organizzare lo spazio in maniera diversificata.  Una soluzione efficace per rendere la zona notte indipendente rispetto al living è l'inserimento di elementi divisori. A seconda dei casi si possono utilizzare elementi quali: vetrate; separè mobili; divisori fissi in legno o altri materiali; tendaggi; pareti in muratura o in cartongesso. Per mantenere la privacy ed allo stesso tempo non perdere la luminosità naturale nella zona notte ricavata all'interno del living si può optare per una soluzione mista, con superfici vetrate alternate a superfici opache.  Per spazi di metrature ridotte conviene, invece, optare per degli spazi ibridi, dove la separazione per zone funzionali è data essenzialmente dall'organizzazione dello spazio, risultando quindi meno netta. La zona notte contenuta nel living per essere resa indipendente può essere differenziata, ad esempio, attraverso l'uso dei materiali, l'inserimento di elementi verticali o la disposizione degli elementi d'arredo in funzione dello spazio. Living: organizzato con una zona gioco In una casa con bambini allestire la zona gioco nel living è praticamente un obbligo, soprattutto se non si dispone di una cameretta abbastanza grande. In questo caso far convivere le due funzioni può risultare complicato ma con gli elementi d'arredo giusti si può ottenere un buon equilibrio. Per riuscire in questa impresa bisogna selezionare con cura tutto ciò che andrà a costituire la zona gioco, in modo che abbia qualche affinità con l'arredamento del living. Ad esempio si può giocare con tessili e complementi, scegliendo colori e fantasie che si abbinino bene insieme.  Living con area fitness flessibile Chi pensa che l'area fitness non sia compatibile con il living non ha forse pensato a delle soluzioni flessibili affinché le due funzioni possano convivere nello stesso ambiente. Allenarsi nella comodità della propria casa, senza doversi spostare per andare in palestra può rappresentare un vero e proprio lusso poiché si possono gestire in autonomia orari e modalità. Per un uso occasionale, non è necessario allestire una vera e propria palestra nel living. Sarà sufficiente tenere a portata di mano il necessario per svolgere i propri esercizi fitness. Si può utilizzare a questo scopo un armadio oppure un baule in modo da nascondere alla vista piccoli attrezzi come materassini, pesi, bande elastiche e quant'altro. Per realizzare un area fitness flessibile nel living è necessario idearla in modo che si possa allestire con semplicità nel momento in cui si vuole fare la propria sessione di allenamento, per poi riporre il tutto una volta terminata. Attrezzature come tapis roulant, cyclette, stepper o panche per pesi sono piuttosto ingombranti per cui possono risultare invadenti all'interno del living. Tuttavia, se non si vuole rinunciare ad avere in casa tutto l'occorrente per l'esercizio esercizio fisico, si potrà dedicare un angolo del living alla propria palestra personale, senza necessariamente doverla nascondere. In una casa, in un appartamento o in un ampio loft dall'arredamento giovanile un angolo palestra a vista nel living dona carattere e personalità all'ambiente.
Urban style: arredare la zona giorno in stile urbano trendy e chic
Visite ricevute
1376
Immagini dell'articolo
10
Lo urban style è una tra le tendenze più in voga per arredare una zona giorno in modo trendy e chic. Una originale tipologia di arredamento, caratterizzata da una atmosfera dal gusto contemporaneo, che fa interagire elementi di stampo sia industriale che metropolitano. La ricerca di questo perfetto outfit per la propria casa implica però una domanda fondamentale: ma come realizzare una zona giorno in stile urbano da manuale e che coinvolga tutti gli elementi necessari per la sua riuscita? Questo orientamento, a differenza dell’industrial style o del tipico contemporaneo, si presta ad essere versatile e flessibile su molte soluzioni. Tutto ciò porta ad ottenere degli ambienti accoglienti, ospitali e per nulla freddi o distaccati. Lo urban style attinge dai concetti minimalisti e lineari di un trend naturalmente contemporaneo, ma li rielabora in modo originale, ammorbidendo con tante opzioni il clima che si viene a respirare in una zona giorno calda e informale. I fattori che determinano l’ottimale realizzazione di uno stile urbano in casa, riguardano: la gestione di spazi ampi e organizzati; l’utilizzo di rivestimenti materici; l’impiego di colori che definiscono a priori lo stile stesso; l’uso di piante per alleggerire l’atmosfera; l’inserimento di accessori indispensabili. L’arredare in stile urban determina una scelta dove ariosità e libertà nei movimenti fanno da padroni. Open space e living sono perfetti per raggiungere quest’effetto, dove complementi e suppellettili misurati, dialogano in modo armonioso senza cadere nell’eccesso. Stile urbano nella zona giorno: spazi ampi e organizzati Nella concezione comune il loft è la tipologia di casa più adatta ad uno urban style che si rispetti. In verità molti ambienti, anche in abitazioni differenti, si possono prestare a quest’orientamento cittadino. Fondamentale è il poter lavorare su spazi ampi e organizzati, dove la progettazione interna della dislocazione di mobili e accessori, viene studiata e pianificata alla perfezione. Molto spesso una zona giorno in stile urbano, parte dal concetto di avere un ampio soggiorno centrale, attorno al quale si collocano altri pochi ed essenziali elementi e a cui viene associata una cucina ben attrezzata. Questo avviene perché in tante circostanze, ci si trova ad avere pareti perimetrali occupate da più o meno grandi superfici finestrate, che non permettono di essere utilizzate a tutt’altezza e che implicano posizioni differenti dei tipici elementi che compongono una zona giorno di casa. Ripensare alla migliore funzionalità degli spazi e avere la possibilità di giocare su una pianta con molti metri quadrati a disposizione, permette di distribuire in modo armonioso e ben proporzionato, tutte le mansioni che un living in tipico stile urbano deve avere. Stile urbano nella zona giorno: rivestimenti materici I rivestimenti materici, non possono davvero mancare in uno stile urbano in una zona giorno in fase di progetto. Mattoni e calcestruzzo vanno per la maggiore su muri perimetrali e interni. Per i pavimenti la resina è molto gettonata, ma anche soluzioni con piastrelle effetto legno o cemento. Per i soffitti, travi a vista in legno o in metallo con inserti di colonne decorative sono assolutamente apprezzate. Utilizzare elementi esistenti, come pareti in laterizio a vista o pilastri in cemento armato, è fattibile trattando la superficie con prodotti appositi per evitare sfarinatura e decomposizione dei materiali. Per chi invece deve utilizzare questa soluzione decorativa da zero, deve necessariamente fare delle valutazioni alternative, che si possono meglio adattare alle differenti situazioni. A seconda della disposizione dell’ambiente, della luce e di strutture già presenti in loco, capire quale effetto si addice al proprio urban style è doveroso per non incappare nell’eccesso di avere troppo punti focali. Per arredare con rivestimenti materici una zona giorno in stile urbano, si devono tenere in considerazione: i vari effetti materici (pietra, cemento, laterizio…); le diverse finiture (bocciardato, martellato, liscio…); la tipologia di posa (a correre, in linea, a quadrotti…); la modalità di prodotto da applicare (materiale grezzo, pannelli prefabbricati in polistirene, piastrella…). Il consiglio è quello di impiegare quanto più possibile materiali ad hoc, evitando carte da parati o soluzioni posticce che risultano eccessivamente “finte” e davvero non adatte a ricreare un vero e unico urban style. Zona giorno: i colori per uno stile urbano I colori per uno stile urbano non si discostano di molto da quelli che vengono utilizzati per altre tendenze e che rientrano nelle palette dei bianchi, grigi e neri con tutte le loro varianti. La neutralità di base che è riscontrabile nella tinteggiatura delle pareti, sui soffitti e anche sul pavimento, permette di utilizzare qualche tono più vivace per gli accessori tessili, ad esempio, che riscaldano gli ambienti in modo naturale e senza esagerazioni. Zona giorno: le piante per definire uno urban style Le piante e la vegetazione in generale, aiutano a definire uno urban style in una zona giorno che deve trasmettere calore e ospitalità. Inserire del verde in varie forme, aiuta a connotare un trend che sotto molti aspetti, ingloba elementi e concetti di altri orientamenti, per sfociare in un tripudio di charme che avvolge gli ambienti di casa, progettati in questo modo. La vegetazione per arredare in stie urbano una zona giorno di un’abitazione, si possono trovare sotto forma di: piccoli vasetti su davanzali per del verde in miniatura; grandi vasi posizionati a terra per una giungla studiata; cesti sospesi a soffitto per piante aeree. E’ preferibile una scelta che preveda il minimalismo anche nella natura evitando troppi fiori colorati. Stile urbano nella zona giorno: gli accessori indispensabili Lo stile urbano nella zona giorno prevede che anche gli accessori inseriti siano legati al contesto circostante e quelli davvero indispensabili riguardano: una tipologia di illuminazione con elementi in formato XXL con paralumi metallici e dal sapore industriale; una dislocazione di quadri e stampe dal gusto contemporaneo o per contro decisamente vintage; tessuti per riscaldare l’atmosfera in ogni loro forma, dai tappetti ai cuscini, evitando l’inserimento superfluo di tendaggi che poco si sposano con lo urban style; bauli, vecchi telefoni, macchine fotografiche, strumenti e tubature. Tutti oggetti che arricchiscono e infondono un senso di continuità tra uno stile del passato che ben si amalgama con i concetti contemporanei del vivere quotidiano.
8 semplici idee per ampliare il living
Visite ricevute
1605
Immagini dell'articolo
10
Ottimizzare gli spazi per ampliare un soggiorno non implica necessariamente dover intraprendere delle ristrutturazioni impegnative e che richiedono a volte troppo tempo e budget a che non erano stati preventivati. Dei piccoli accorgimenti o semplici idee per ampliare il living, possono scaturire dall’utilizzo di alcuni escamotage a cui a volte non si da peso o che non sembrano coerenti con lo stile della zona giorno, con l’arredo circostante o con gli accessori che già si possiedono. Un bravo professionista, esperto di interior design e relooking degli interni, saprà consigliare sui vari procedimenti da attuare, studiando ad hoc ogni progetto in modo puntuale. Tantissimi sono gli espedienti da applicare per dare maggiore ariosità ad un soggiorno che può risultare a volte un po' angusto ed opprimente. Tra i vari stratagemmi, per ampliare il living di casa, Archisio ne ha individuati 8 che riguardano: l’organizzazione di pareti a tutt’altezza; l’inserimento di specchi; la tinteggiatura con colori chiari; l’utilizzo di luce naturale; lo sfruttamento di nicchie; l’impiego di un arredo indispensabile; la disposizione di divani a parete; l’applicazione di mobili sospesi. Living: organizza le pareti a tutt’altezza Ampliare un soggiorno senza dover creare un progetto a livello strutturale può voler dire che serva semplicemente ottimizzare lo spazio a disposizione, magari organizzando le pareti presenti a tutt’altezza per sfruttare al meglio ciò che l’ambiente offre. Ideare dei muri attrezzati sino al soffitto è ciò a cui tutti noi siamo abituati ad assistere in una concezione tradizionale di intervento mirato in questo senso. Ma eliminarne invece una porzione, in caso di tramezzo non portante, per ricavare un piano adibito a libri, un top per vari accessori o una mensola per un’esposizione di piante verdi, diventa un’idea vincente, innovativa e creativa. Espediente per modificare l’esistente in modo soft, creando dei centimetri in più utilizzabili e rendendo meno soffocante tutto l’ambiente. Living: inserisci degli specchi Inserire degli specchi per ampliare la visuale di un living in casa è senz’altro il metodo più immediato e pratico per allargare visivamente gli spazi. I riflessi di svariati punti dell’ambiente e la luce naturale che rimbalza dalle finestre alla superficie riflettente, riescono ad ingrandire a livello ottico i metri disponibili in un soggiorno, senza dover necessariamente eliminare elementi già presenti. La zona migliore, dove disporre uno o più fonti rifrangenti, è la parete opposta rispetto alla porta d’ingresso della stanza. Con questa dislocazione l’immagine specchiata aumenterà la profondità dell’intero living, facendo percepire dei dettagli presenti sul muro contrapposto, che materialmente non si sono visti dal vivo, perché si è ancora al di fuori del soggiorno stesso. Living: tinteggia con colori chiari I colori chiari all’interno di una casa riescono sempre a salvare da ogni indecisione riguardante le mille cose che si devono scegliere in un progetto d’interni. Anche per riuscire ad ampliare un soggiorno, giocano un ruolo fondamentale in un’ipotesi di intervento esclusivamente a livello di decorazione. Impiegare il bianco, il beige, il rosa o il grigio, con tutta la gamma dei “chiari” delle loro palette, significa infondere al progetto un’impronta più luminosa e soleggiata, vasta ed estesa che riesce a valorizzare anche quello spazio esiguo che a volte un living di una zona giorno presenta. Il consiglio è quindi di valutare bene i toni da impiegare e gestirli come sfondo neutro per eventualmente qualche accessorio più acceso. Living: utilizza la luce naturale La luce naturale aiuta tantissimo quando si vuole trovare il modo di rendere il proprio living maggiormente ampio e arioso. Far diventare protagonista l’illuminazione che entra in casa è determinante per avere una sensazione di leggerezza e una decisa estensione degli spazi. Se è possibile, evitare tende o per lo meno tessuti troppo pesanti, aiuta nello scopo. Così come il lasciare aperte le porte tra una stanza e l’altra o creare dei passaggi completamente comunicanti per usufruire anche della luce di riflesso degli ambienti vicini. Living: sfrutta le nicchie Avere delle nicchie a disposizione nelle pareti è un ulteriore vantaggio per poter ampliare un soggiorno, sfruttando degli spazi multifunzionali e versatili. Inserirvi all’interno dei mobili profondi o ideando dei ripiani per una biblioteca a vista o ancora dislocandovi dei complementi profondi, come poltrone e divani, aiuta a non occupare ingombro gestibile in altro modo. Molto spesso si ha l’impressione di avere un living soffocante per la mancanza di un percorso tra gli arredi poiché tutto è stipato a centro stanza e non si ha possibilità di attraversarli agevolmente. Ecco che le nicchie arrivano in nostro soccorso e diventano davvero un punto di forza quando i metri quadri a disposizione sono pochi. Living: arreda con l’indispensabile , risulta semplice quando si opta per arredare un living con l’indispensabile. Questo non significa essere minimalisti o seguire orientamenti e stili in questo senso. Semplicemente si tiene in considerazione il concetto di non stipare tutto l’arredo in proprio possesso in un’area in cui andrebbero invece inseriti esclusivamente gli elementi essenziali e fondamentali. Living: disponi divani a parete Per lasciare libero il passaggio da un vertice all’altro di un’ambiente, è necessario valorizzare e perfezionare su misura la dislocazione dell’arredo, disponendo ad esempio i divani a parete e non a centro stanza. Questo naturalmente quando si hanno problemi di spazio e si vuole ampliare il poco spazio disponibile, ottimizzando ogni centimetro. E’ sempre buona regola collocare sui lati gli ingombri maggiori e mantenere più libera possibile la zona interna al living o al soggiorno, dove gli spostamenti devono essere gestibili e consentiti a chiunque senza difficoltà. Living: applica mobili sospesi Pochi, ma utili mobili sospesi, sono ideali da applicare e montare a parete quando si cerca di avere anche solo visivamente degli spazi ampi in un living da vivere quotidianamente. A volte un antiestetico pilastro o pareti posizionate in modo non consueto, danno il “la” che fa scaturire progetti meravigliosi e che soprattutto ottimizzano la metratura disponibile all’interno del soggiorno di un’abitazione. Consolle, zona tv e librerie possono essere tranquillamente appese in tante soluzioni differenti e che meglio si addicono alle esigenze dei padroni di casa, avendo come punto in comune la necessità di allargare il più possibile un soggiorno, con idee semplici e originali.
Porte interne: soluzioni in bianco nella zona giorno
Visite ricevute
1439
Immagini dell'articolo
10
Le porte di colore bianco nella zona giorno sono un classico che difficilmente stanca o passa di moda nel tempo. Il bianco è infatti un colore che si armonizza bene in qualsiasi ambiente. Grazie all'effetto neutro ed alla facilità con cui è possibile creare abbinamenti con l'arredamento ed i complementi che riempiono la zona giorno, le porte bianche sono una scelta su cui vale la pena puntare senza troppi ripensamenti.  Proprio grazie al colore una porta bianca risulta discreta in qualsiasi ambiente della zona giorno, ma allo stesso tempo cattura l'attenzione per la sua eleganza. Questo effetto risulta massimizzato se la porta è collocata su una parete anch'essa perfettamente bianca, per una mimetizzazione senza eguali.  Al contrario, se posta su una parete colorata o decorata la porta per interni bianca risulta valorizzata per contrasto. La scelta della tipologia di porta bianca per la zona giorno dipende soprattutto dal progetto che si ha in mente e dallo stile che si vuole dare al proprio ambiente. Tra le tante versioni ci sono modelli più tradizionali ed altri invece più orientati alle linee contemporanee. Se si hanno le idee chiare non sarà quindi difficile individuare il modello più adeguato al proprio caso. A seconda del look della zona giorno si andrà a selezionare la porta bianca che ha il linguaggio più affine. Quando bisogna scegliere le porte interne bianche da utilizzare per la zona giorno è necessario valutare aspetti quali:  dimensioni; materiali; tipologia di apertura (a battente, scorrevole, a libro, filomuro, ecc); numero di ante (singola, doppia, tripla, ecc.); presenza di elementi decorativi; finitura (lucida, opaca, ecc.); tipologia di maniglie.  Porte interne nella zona giorno: variante a filo muro in bianco Le porte interne filomuro dipinte di bianco sono una soluzione ideale per chi desidera creare ambienti dal gusto rigorosamente minimalista. Innovative e sofisticate nel design, sono porte la cui presenza è appena percepibile nell'ambiente grazie alle linee estremamente essenziali e l'assenza totale di qualsiasi decoro. In questi modelli di porte non sono presenti infatti elementi come cornici e stipiti, ma rimane visibile soltanto un sottile taglio nella parete. La porta filo muro, o raso muro, risulta perfettamente planare rispetto alla parete in cui viene installata. L'unico elemento tridimensionale rimane la maniglia.  Per realizzare un effetto total white assolutamente perfetto un'opzione da considerare per il proprio progetto sono le porte bianche filomuro abbinate ad una parete con la stessa finitura. Queste tipologia di porte consentono infatti di applicare sull'anta il medesimo rivestimento utilizzato per la parete. Si ottiene in questo modo un effetto di perfetta continuità. Avendo anche la stessa matericità del muro, la porta filomuro si fonde perfettamente con la superficie della parete rendendo la zona giorno molto elegante e raffinata. Inoltre, non avendo alcun ingombro visivo, la scelta di installare una porta filomuro bianca consente di far apparire più spazioso l'ambiente in cui viene inserita. Porte interne nella zona giorno: d’epoca verniciate in bianco Delle porte interne d'epoca dipinte di bianco aggiungono carattere ad una zona giorno di classe. Quando si hanno delle porte antiche in legno è possibile modificarle per renderle attuali. Verniciare di bianco delle porte d'epoca in legno consente di alleggerirle e dare loro un aspetto più attuale, senza intaccare il loro fascino. Grazie ai decori articolati le porte antiche verniciate di bianco creano un'atmosfera senza tempo all'interno della zona giorno, sia essa arredata con elementi classici o contemporanei. Considerata la sua particolarità, una porta interna d'epoca tinteggiata di bianco non è da considerare solo come una finitura ma è a tutti gli effetti un elemento d'arredo che con la sua presenza caratterizza uno spazio.  Porte in interne trasparenti: telaio bianco e vetro Le porte bianche con inserti in vetro sono un vero e proprio evergreen che richiama alla mente gli interni di ispirazione classica. Nonostante il loro aspetto tradizionale si sposano molto bene anche con ambienti dallo stile contemporaneo, abbinandosi indifferentemente ad interni arredati in stile nordico, shabby, vintage o bohémien. Il disegno formato dagli elementi in vetro delle porte risulta molto decorativo mentre il bianco del telaio le rende leggere, per cui sembrano ampliare lo spazio. Le porte interne bianche con telaio bianco e riquadri in vetro consentono il passaggio della luce. Sono quindi ideali anche per corridoi poco illuminati oppure per separare due ambienti differenti della zona giorno mantenendoli in perenne contatto visivo. Per quanto riguarda il telaio bianco si possono avere diversi materiali e finiture, mentre il vetro può essere totalmente trasparente o semitrasparente, con effetti come la satinatura o l'acidatura.  Porte interne bianche: in legno tinteggiato nella zona giorno Un'altra soluzione molto frequente per la zona giorno sono le porte interne bianche in legno tinteggiato. Quando si desidera apportare un cambiamento radicale nella zona giorno scegliere di tinteggiare le porte in legno è sicuramente un'idea su cui puntare. Investendo un piccolo budget il cambiamento è sorprendente. Rinnovare qualsiasi porta in legno è un intervento piuttosto semplice ed economico, che con un po' di impegno potrebbe rivelarsi anche un piacevole lavoro fai da te. La nuova colorazione bianca renderà la porta della zona giorno più moderna e facile da integrare con l'arredamento, qualsiasi sia il suo stile.  Porte interne zona giorno: d’effetto laccate in bianco Le porte laccate di bianco sono una delle soluzioni più utilizzate nelle case di oggi. Sono estremamente versatili grazie al design essenziale che le rende idonee agli ambienti di concezione contemporanea. La semplicità delle porte laccate in bianco è la loro carta vincente. Si presentano con una superficie perfettamente liscia che regala un effetto lineare e moderno alla zona giorno. La laccatura bianca rende le porte della zona giorno facili da pulire e mantenere, si tratta infatti di un processo che rende la superficie priva di porosità ed imperfezioni. Un'alternativa alle porte bianche laccate lisce è rappresentata da quelle pantografate. In questo caso le porte sono arricchite da decori più o meno elaborati che vanno a dare maggiore personalità. Porte di questo genere sono di facile collocazione in qualsiasi ambiente dallo stile contemporaneo o classico. Per cambiare look alla zona giorno è possibile laccare in bianco una porta interna in legno, anche se è già stata tinteggiata. Questo lavoro richiede una serie di passaggi e l'uso di attrezzature specifiche per ottenere un risultato perfetto per cui conviene affidarlo ad un falegname che può eseguire eseguire un restyling a regola d'arte.
Mansarda: 8 proposte per arredare il sottotetto di casa
Visite ricevute
1988
Immagini dell'articolo
10
La mansarda è un ambiente davvero unico e versatile che una volta reso abitabile, aggiunge dello spazio in più, pratico e funzionale, all’interno di una casa. Arredare il sottotetto, significa avere la possibilità di ampliare ed espandere alcune attività della zona giorno o creare una zona notte aggiuntiva. Molteplici sono le soluzioni che possono davvero rivelarsi indispensabili per aumentare i metri quadri a disposizione in un’abitazione, ma come sfruttare al meglio una mansarda in casa, e come attivarsi per realizzare idee e sogni nel cassetto? In base alle esigenze dei padroni di casa e ai fruitori di quest’area, esistono tantissime ed efficaci alternative che vanno incontro ad un percorso più o meno invasivo a seconda della progettazione che verrà attuata. 8, tra le proposte più trendy e in voga per arredare il sottotetto di casa, riguardano: una mansarda con play room attrezzata; una mansarda con zona tv privata; una mansarda con un tranquillo workspace; una mansarda con una sauna nel sottotetto; una mansarda con un’intima cameretta per ragazzi; una mansarda con una camera per gli ospiti con bagno; una mansarda con una mini palestra: una mansarda con una sala divertimenti multifunzionale. Ciascuna opzione si inserisce bene in casa, all’interno di un luogo “extra” dove poter davvero trovare il proprio spazio e godere di momenti da dedicare a sé stessi. Mansarda per una play room attrezzata Una mansarda con una play room attrezzata è ciò che serve ad una famiglia che necessita di uno spazio in più da dedicare ai bambini, per poter dedicarsi a svariate attività di gioco. Questa zona così flessibile, permette di trasformare un semplice sottotetto in una sala ludica, che i piccoli di casa possono fruire in tutta tranquillità e modificare ogni volta che le occupazioni cambiano. Colori neutri o tinte più vivaci sono in egual modo molto efficaci e arredare con pochi, ma pratici complementi, è ciò che serve a bimbi sempre in movimento. Tavolino e sedie, cassapanca contenitore, tappeti e cuscini sono l’essenziale che non deve mancare. Accessori aggiuntivi, come pareti dotate di pittura effetto lavagna o di appoggi per scalate indoor, amache appese o freestanding, materassi ad hoc per leggere o rilassarsi, sono ben accetti per completare una play room attrezzata in una mansarda grintosa e di tendenza. Arredare la mansarda: una zona tv privata All’interno di una casa i dispositivi multimediali sono oggi giorno davvero tanti e collocati in quasi tutti gli ambienti. Dalla cucina al soggiorno, dalla camera matrimoniale alla cameretta, troviamo monitor di svariate dimensioni dove film, cartoni, documentari e telegiornali vengono quotidianamente visionati. In alcune situazioni avere però uno spazio aggiuntivo, diventa davvero indispensabile, dove arredare la mansarda per creare una zona tv privata diventa l’escamotage più opportuno da attuare. Un luogo nel sottotetto molto utile sia per godere in piena solitudine di un’ora di pace e serenità gustando la propria serie preferita o per ospitare gli amici e tifare per la squadra del cuore senza arrecare fastidio agli membri della famiglia. L’arredo? Molto semplice ed efficace: un grande schermo e una o più sedute. Ecco cosa realmente serve in una mansarda con zona tv privata, comodi divani o poltrone a seconda dei metri a disposizione e nient’altro che aumenti i lavori di pulizia e spolvero! Mansarda per un tranquillo workspace Per chi lavora da casa e ha la necessità di avere uno spazio appartato, utilizzare la mansarda per un tranquillo workspace organizzato, è un modo funzionale per arredare il sottotetto di casa. Nella maggior parte delle soluzioni progettuali è sufficiente una scrivania ampia, una sedia comoda e qualche scaffale per riporre stampante e documenti. Ma se si vuole sfruttare del mobilio già presente nell’abitazione, delle basse librerie sono un esempio perfetto per rendere meno impersonale l’ambiente: così come poltrone, tappeti, quadri e svariati accessori, che contribuiscono a rendere accogliente una zona ufficio domestica in mansarda ben riuscita. Arredare la mansarda: una sauna nel sottotetto In pochi ci pensano ma effettivamente uno spazio aggiuntivo in casa può essere dedicato a realizzare quella coccola tanto desiderata e mai potuta attuare. Avere una piccola spa domestica è un sogno che molti concretizzano nel seminterrato o in zona esterna adibita allo scopo, magari con progetti complessi che prevedono piscine, bagni turchi e palestre. Per una ideazione più modesta, ma comunque efficiente, perché non pensare di installare una sauna nel sottotetto per creare un angolino benessere in miniatura? Attraverso soluzioni differenti, dalla sauna finlandese prefabbricata a quella ad infrarossi, arredare la mansarda in questo senso non implica particolari lavori edili, a meno che la si voglia costruire in totale autonomia. In tal caso occorrerà del materiale idoneo, che comprende: pannelli in legno di abete per il rivestimento: isolante naturale; diffusore di calore (meglio legna o pietre riscaldate); illuminazione adeguata; apertura in vetro e accessori da sauna. Arredare la mansarda per una mini palestra Per rimanere in tema wellness, anche una mini palestra può essere pensata per arredare la mansarda. Attrezzature di vario genere, a seconda della planimetria e del piano di calpestio idoneo, possono entrare in un sottotetto, sfruttando lo spazio al meglio e creando una zona fitness domestica. Mansarda: un’intima cameretta per ragazzi Quale adolescente non desidererebbe avere un proprio spazio appartato dove trascorrere del tempo con gli amici o dove poter studiare circondato da calma e quiete? Un’intima cameretta per ragazzi è quello che si può progettare in una mansarda inutilizzata. I bambini di casa cresciuti avranno a disposizione un ambiente tutto da ideare, dedicato sia alla zona notte sia alla realizzazione di aree da godere anche durante i momenti di relax pomeridiani o per organizzare degli spensierati weekend con i coetanei. Arredo a tema, versatile e pratico è quello che serve. Sempre con qualche tocco personale trendy e chic per fare la differenza. Arredare la mansarda: camera per gli ospiti con bagno Per chi possiede già un’ottimale organizzazione degli ambienti in casa e non gli manca davvero nulla da inserire, allora pensare di adibire la mansarda ad una camera per gli ospiti con bagno, è la soluzione d’arredo che aggiunge una chicca ad un’abitazione, adatta ad accogliere familiari o amici in visita. Progettare una zona notte confortevole e pratica con servizi privati non è cosa davvero complessa e si deve arredare nell’ottica che questa stanza aggiuntiva in mansarda non sarà costantemente utilizzata. Pertanto, gli elementi indispensabili da inserire sono: un letto matrimoniale; un divano o poltrona letto, per avere posti in più per dormire; uno scaffale multifunzionale per abiti o accessori; un appendiabiti sospeso poco ingombrante. Mansarda con una sala hobby multifunzionale  Se in casa si è in tanti e ciascuno coltiva una passione differente da svolgere tra le mura domestiche, diventa importante capire come sfruttare gli spazi per ricavare zone adatte ai diversi passatempi. La mansarda diventa in effetti un luogo perfetto per creare una sala hobby multifunzionale, dove ogni componente della famiglia può ritagliarsi un angolino per potersi dedicare alla musica, alla pittura, al cucito, al modellismo e così via. Non servono arredi specifici in un progetto come questo: un tavolo, sedie e un armadio contenitore sono sufficienti per gli “attrezzi” delle varie attività. Accessori dedicati troveranno invece collocazione in scaffali appositi o possono essere anche lasciati a vista e collocati nella propria area di competenza.
Sei un professionista?
Inserisci la tua attività su Archisio
Registrati gratis
Vai su
Ricevi 4 preventivi
Ricevi 4 preventivi gratuiti e senza impegno
 
Ricevi 4 preventivi
Ricevi 4 preventivi gratuiti
Cerca per parole chiave
Professionisti selezionati:
Cambia filtri
INVIA
Modifica filtri
Annulla