Menu

Forno in cucina: 5 differenti tipologie tra cui scegliere

Visite ricevute
2751
Immagini dell'articolo
10
Commenti ricevuti
0

Come scegliere il forno in cucina


In quanti di noi conoscono le varie tipologie di forno esistenti al giorno d’oggi, che possano soddisfare appieno la nostra idea di cuocere e cucinare? Tra le tante proposte ve ne sono 5 differenti che vengono maggiormente scelte per un forno in cucina e ciascuna, con le proprie qualità e prerogative, saprà soddisfare esigenze e bisogni con le loro molteplici funzioni e mansioni.


Come scegliere il forno in cucina


Capire bene gli attributi e le particolarità di ogni proposta è il passo fondamentale da compiere per scegliere nel modo più opportuno. Inoltre, ogni modello, nelle dimensioni e forme pressoché standardizzate, oltre ad ottemperare al suo scopo preciso, saprà delineare uno stile specifico per ogni spazio in cui verrà inserito, facendo propendere tendenze più classiche o in maggior misura attuali, rendendo speciale ogni progetto per la cucina.


Forno in cucina: 5 differenti tipologie tra cui scegliere



Forno elettrico


Per coloro che amano cucinare, e in particolar modo per poter utilizzare differenti modalità di impiego che meglio si adattano ai vari tipi di cibo da preparare, è sicuramente indispensabile inserire all’interno della propria cucina un forno elettrico. Questa tipologia di forno è caratterizzata da una serie di componenti utili per diversificare, rendere salutari e maggiormente gustose le cotture delle varie pietanze.


Cucina con forno elettrico


In particolare troviamo al suo interno:

  • due resistenze, una inferiore e una superiore che possono essere attivate insieme o separatamente a seconda di come si intendono realizzare i vari piatti;
  • un grill, utile per chi desidera rendere croccanti gli alimenti che lo richiedono;
  • una ventola, se il forno elettrico è multifunzione, collocata nella parete terminale della cavità del forno stesso, che ha lo scopo di smuovere l’aria calda prodotta internamente per agevolare una cottura più veloce e uniforme in tutta la superficie;
  • una resistenza circolare, nei forni elettrici termo-ventilati, posizionata anch’essa nella parte retrostante dell’elettrodomestico, che permette di cucinare con modalità differenti e su indipendenti ripiani, cibi diversi senza commistione di gusti e profumi.


Cucina con forno elettrico multifunzione


Ogni funzione, legata al tempo e alla temperatura da impostare, viene scelta e regolata tramite manopola o attraverso comandi digitali posti all’esterno del forno elettrico in maniera molto rapida e immediata. Per quanto riguarda invece le dimensioni, quella standard e più utilizzata è pressoché quadrata con larghezza e altezza di circa 58-60 cm ma esistono naturalmente delle varianti che danno la possibilità di soddisfare svariate esigenze di spazio e sul mercato è facile reperire forni molto piccoli, larghi solo 45 cm o al contrario forni capienti di 90-95 cm.



Forno a gas


Il forno a gas è una tipologia di elettrodomestico ormai impiegata in numero minore rispetto ad uno elettrico, ma comunque ottimale per chi desidera efficienza e praticità nel suo impiego, senza dover però ricorrere ad un rifornimento di combustibile continuo o utilizzare la corrente elettrica come forma di alimentazione.

Un bruciatore, posto nella parte inferiore, fornisce calore diffuso e suddiviso nella camera di combustione attraverso un processo di irraggiamento che cuoce le parti superficiali dei cibi esposte ai raggi caldi prodotti all’interno del forno a gas.


Cucina con forno a gas freestanding


Secondariamente lo stesso calore si propaga per convezione e penetra nella parte più profonda degli alimenti sino a cottura terminata.

La temperatura impostata viene raggiunta dopo un determinato lasso di tempo dal momento dell’accensione per poi essere successivamente mantenuta costante e praticamente tutti i modelli di forno a gas sono dotati del classico grill. Alcuni più particolari possiedono la modalità di cottura a legna che permette di cucinare i vari piatti ottenendo il sapore di un cibo preparato sulla brace.

Si possono trovare soluzioni freestanding, in un unico elemento associato al piano cottura, pratici per poter essere rimossi all’occorrenza, o forni a gas ad incasso con dimensioni simili a quelle dei forni elettrici.


Cucina con forno a gas


L’unica accortezza è quella di installare un dispositivo (termocoppia) per prevenire eventuali fughe che potrebbero dare adito a incendi domestici.



Forno a microonde


Sul mercato odierno è scontato trovare svariate tipologie di forni a microonde, con caratteristiche peculiari e costi oltremodo differenti tra loro. Chi ha già pensato di dotare la propria cucina con un forno tradizionale, opterà per l’inserimento di un microonde sicuramente più economico e senza particolari optional, se la funzione più utilizzata sarà quella esclusiva di riscaldare in modo rapidissimo cibi già cotti o eventualmente scongelare in maniera veloce gli alimenti. I modelli di gamma superiore a quelli base comprendono il grill ma con relativo aumento dei costi.


Cucina con forno a microonde combinato


Per chi preferisce invece un forno performante e con prestazioni elevate che permettano di cucinare al meglio, esistono i modelli combinati che associano tutte le funzionalità di un forno elettrico a quelle di un forno a microonde tradizionale. Questa opzione prevede un budget molto elevato, che può arrivare sino ai 1000 euro di spesa, e va sicuramente valutato in caso di spazi contenuti in cucina dove non è possibile inserire più elettrodomestici o per chi ama convogliare tutte le mansioni del cuocere, scaldare o decongelare in un unico  e pratico elemento.


Cucina con forno a microonde



Forno a vapore


L’ultimo trend in termini di forni, riguarda un’opzione per coloro che sono quanto mai attenti ad una vita salutare connotata dal consumo di cibi naturali e sani (verdure, carne e pesce) che vengono cucinati volendo conservare al meglio tutte le proprietà nutritive del piatto senza dover aggiungere condimenti accessori durante la cottura. Un forno a vapore è indicato anche per preparazioni di torte e pane e di tutti quegli alimenti che esigono umidità durante la loro preparazione.

L’approccio verso questo tipo di elettrodomestico prevede due diverse modalità:

  • l’impiego di un forno totalmente a vapore: creato per avere esclusivamente questa modalità di cottura:
  • l’utilizzo di modelli combinati con molteplici funzioni che associano metodi tradizionali (statici o ventilati) a quello al vapore, dove è possibile scegliere una delle due cotture o combinarle per ottenere un perfetto risultato nel sapore e gusto del piatto nonché nella sua presentazione del piatto.


Cucina con forno a vapore


Il funzionamento di un forno di questo tipo è molto semplice: attraverso l’attivazione di una ventola, il vapore fuoriesce da un serbatoio, collocato sulle pareti laterali, che viene riempito in anticipo con dell’acqua, scaldata dopo l’accensione dell’apparecchio. La temperatura, come in un forno tradizionale, è regolabile a seconda delle necessità. Di solito sono dotati di un sistema autopulente tramite pirolisi, dove attraverso temperature elevate i residui vengono inceneriti ed eliminati su tutte le superfici senza dove ricorrere a detergenti particolari.


Forno a legna


Il forno a legna è l’antesignano di tutto ciò che l’evoluzione tecnologica, nel tempo, ha contribuito a realizzare in termini di cottura legata ad un processo che avviene a temperature differenti e in un ambiente chiuso. Il sapore, la croccantezza e i profumi che un forno a legna è capace di donare ai vari cibi è ineguagliabile e dipende direttamente dalle peculiarità insite nel combustibile impiegato.

Ciascuna essenza di legna impiegata ha in sé un particolare aroma che trasporta sul piatto che sta cuocendo caratterizzandolo ulteriormente. esistono dei forni a legna contemporanei freestanding, che pur mantenendo le medesime qualità, si avvicinano ad un look più moderno e dal design accattivante. Le dimensioni sono differenti e dipendono dallo spazio che ciascuno di noi ha a disposizione in cucina.


Cucina con forno a legna


Cuocere secondo queste modalità richiede una capacità particolare nel saper controllare la temperatura per una perfetta diffusione del calore sui cibi, grazie anche alla forma a cupola, che con l’aiuto di una canna fumaria, permette all’aria di circolare e di diffondere in modo uniforme il caldo al suo interno. Un ruolo importante lo assume la brace che si forma dopo che si è consumata una certa quantità di legna che permette di mantenere i gradi necessari per poter continuare la cottura dei cibi posti al suo interno.  


Hai bisogno di un preventivo per il tuo progetto e i tuoi lavori?
Ricevi 4 preventivi gratuiti
Ricevi 4 preventivi gratuiti e senza impegno
Sei un professionista?
Inserisci la tua attività su Archisio
Registrati gratis
Vai su
Professionisti selezionati:
Cambia filtri
INVIA
Modifica filtri
Annulla