Menu

Quali materiali scegliere per il top in cucina

Visite ricevute
446
Immagini dell'articolo
8
Commenti ricevuti
0

Personalizzare la cucina con top di differenti materiali


Il top in cucina rappresenta un elemento fondamentale e irrinunciabile, trattandosi di una componente cardine all’interno di uno spazio quotidianamente utilizzato. Inoltre scegliere il materiale più adatto alle nostre esigenze per personalizzare la cucina stessa va di pari passo con il fatto che più volte in una giornata questo piano di lavoro viene sollecitato notevolmente ed è soggetto ad ogni tipologia di utilizzo.


Quali materiali scegliere per il top in cucina


Optare per ottenere funzionalità e stile al contempo è quello a cui tutti aspirano e districarsi tra gli innumerevoli materiali, finiture e colori può diventare cosa ardua quando ciascun modello di top per cucina è rappresentato da caratteristiche ottimali.

Pertanto come districarsi tra materiali esteticamente sorprendenti, dal design contemporaneo e innovativo ma a volte sottoposti a svariate manutenzioni e soluzioni più datate ma pur sempre di successo più sobrie ma meno dispendiose?


Personalizzare il top in cucina


Contrappesare i requisiti dei principali prodotti oggi giorno proposti dalle aziende produttrici, aiuterà a farci capire come personalizzare la cucina con top di differenti materiali.



Top in laminato in cucina: materiale sempre in voga


Tra i materiali che continuano ad avere un grande successo, per quanto riguarda il piano di lavoro in cucina, e viene scelto per le sue eccellenti caratteristiche tecniche e costi contenuti, troviamo il top in laminato. Una soluzione versatile che viene collocata opportunamente in ogni tipo di cucina con resa stilistica e funzionale sempre efficace.


Top in laminato


Le proposte di top in laminato si diversificano in tre differenti categorie in relazione alla differente composizione del materiale che prevede:

  • top in laminato postformato: costituito da un pannello di legno truciolare di spessore compreso tra i 3 e i 6 cm e rivestito da un foglio plastico idrorepellente molto resistente ai graffi e di facile pulizia. Offre molteplici finiture e colorazioni tra cui scegliere, oltre alla riproduzione particolare di molti effetti che simulano un determinato materiale. Lo svantaggio viene riscontrato nella capacità di sostenere il calore, infatti non è indicato per l’appoggio immediato di pentole appena rimosse dai fornelli;
  • top in laminato HPL: è un’evoluzione del postformato e presenta una nuova caratteristica che ottimizza la resistenza del piano alle alte temperature (fino a 180°). Essendo completamente impermeabile con questa tipologia di top in laminato, è fattibile realizzare un piano di lavoro con lavello integrato dove tenuta e robustezza diventano impeccabili;
  • top in laminato ABS: è una soluzione ottimale relativa alla scelta di questo materiale, eccezionalmente refrattario agli urti e disponibile in tre spessori (2 – 4 – 6 cm) e con la particolarità di poter valutare l’opzione di un bordo squadrato più contemporaneo anziché stondato.


Top bianco in laminato



Top in marmo: eleganza senza tempo


Rifiniture, dettagli, venature e colori particolari, rendono un top in marmo uno dei più amati di sempre. Questa pietra pregiata contribuisce a rendere distinta e signorile qualsiasi cucina e non trova meno consensi nel suo impiego nemmeno di fronte ai nuovi materiali più evoluti dal punto di vista tecnologico. E’ un materiale resistente alle abrasioni e agli urti, per questo duraturo nel tempo a caratterizzato da una notevole luminosità. Possiede una versatilità innata e può essere impiegato sia su piani di lavoro orizzontali che per i fianchi di isole e penisole.


Top in marmo


Un top in marmo è sicuramente un elemento pregevole di valore e classe, facile da mantenere pulito e lo si può trovare in differenti colori a seconda delle proprietà e quantità di minerali presenti al suo interno.

Da considerare però alcuni aspetti sfavorevoli, tra cui la sua porosità, la reazione negativa se trattato con acido citrico e il costo di una lastra intera che varia a seconda della tipologia scelta e delle dimensioni.

 


Top in fenix per una cucina trendy


Un materiale tecnologicamente innovativo che deriva dalla lavorazione e dai trattamenti con resine acriliche di ultima generazione di laminati con spessore di 1 cm. E’ il top in fenix che rende davvero trendy una cucina contemporanea e non solo, grazie alla fondamentale caratteristica di essere un materiale esteticamente sensazionale, opaco e quasi morbido alla vista e al tatto su cui non si vedono aloni e impronte.

Di facile pulizia, resistente all’usura, igienico, antistatico e quanto mai pratico per un piano di lavoro in cucina, un top in fenix, proposto dai migliori brand sul mercato, offre oggigiorno un assortimento di colori ampliato tra cui scegliere.


Top in fenix


Per contro, non essendo un prodotto monoblocco avrà un rivestimento applicato per il piano e uno per ciascun bordo nei quattro lati. Inoltre la pulizia deve essere effettuata con prodotti neutri e non abrasivi (come pagliette o altro) poiché è più difficoltoso poter ripristinare graffi più consistenti.

 


Top in legno in cucina: si o no? 


Per coloro che non amano manufatti uniformati e realizzati in serie, la scelta di un top in legno in cucina è sicuramente una delle più adatte, dal momento che ogni striscia di legno massello impiegata è differente da qualsiasi altra e ogni piano di lavoro, per colore e venatura non sarà mai uguale ad un altro.

Inoltre questo materiale se trattato con vernici ecologiche per ottenere una corretta impermeabilizzazione, diviene un elemento bio inserito nel contesto più ampio di casa che dovrebbe garantire totale sicurezza per la nostra salute.


Top in legno


Essendo un prodotto naturale, necessita però di operazioni di maggior riguardo rispetto ad altri. Ad esempio la superficie deve essere trattata con oli protettivi distribuiti in più stratificazioni e pulita con detergenti privi di sostanze chimiche. Inoltre è consigliato non lasciare tegami incandescenti sul piano per evitare aloni e lievi bruciature superficiali.

 


Top in corian, versatilità per personalizzare una cucina


Il top in corian viene realizzato con un materiale di origine mista, composto per 2/3 da minerali naturali e per 1/3 di resina acrilica sintetica, brevettato da DuPont™ la cui particolarità risiede nel poter personalizzare una cucina, grazie alla caratteristica di poter essere realizzato in differenti forme senza avere fughe e giunti visibile oltre ad avere la possibilità di inserire lavabi integrati.


Top in corian


E’ antibatterico, perciò altamente igienico e facilmente disinfettabile. Resistente alla luce naturale, ai graffi e alle infiltrazioni di acqua e muffa che lo rendono uno tra i materiali più diffusi tra i top per cucina. Le colorazioni e le finiture si evolvono nel tempo e aggiungono opzioni al suo utilizzo. Tra gli svantaggi i costi ancora sostenuti per il suo impiego e la non completa resistenza al calore, come garantiscono altri materiali, che richiede massima attenzione durante l’appoggio di padelle fumanti o teglie roventi uscite dal forno.

Hai bisogno di un preventivo per il tuo progetto e i tuoi lavori?
Ricevi 4 preventivi gratuiti
Ricevi 4 preventivi gratuiti e senza impegno
Sei un professionista?
Inserisci la tua attività su Archisio
Registrati gratis
Vai su
Professionisti selezionati:
Cambia filtri
INVIA
Modifica filtri
Annulla