Menu

Paraschizzi per la cucina: quale materiale scegliere

Visite ricevute
3379
Immagini dell'articolo
10
Commenti ricevuti
0

Tipologie di materiali per il paraschizzi della cucina


Un aspetto che può sembrare marginale all’interno di uno spazio così ampio dove tanti altri elementi concorrono nel definirne lo stile, il colore e la tendenza. In realtà, il paraschizzi per la cucina, assume un ruolo importante e funzionale non indifferente in questa zona della casa dove si trascorre la maggior parte del tempo a preparare cene e pranzi per familiari e amici. La caratteristica fondamentale di questo prodotto è quella di proteggere il retro del top cucina da schizzi e macchie dovute a vapori e cibo in generale.


Paraschizzi per la cucina: quale materiale scegliere


A questo principio si associa l’estetica che nel settore dell’arredo è oltremodo importante considerare. Molte sono le tipologie di materiali per il paraschizzi in cucina, ognuno connotato da tratti peculiari e adatti ad ogni esigenza da soddisfare. Le soluzioni tra cui scegliere sono molteplici e ciascuna adempie in modo esemplare alla sua mansione primaria donando a ogni cucina associata un aspetto davvero unico.


Tipologie di materiali per il paraschizzi della cucina


Facilità di pulizia, poche fughe e sporgenze materiche sono da considerare nella scelta delle tipologie di materiali in un paraschizzi per la cucina poiché la semplicità nel mantenere igienica un’ estensione più liscia possibile, garantisce al contempo di trattarla velocemente senza dover aggredire con detergenti invasivi la finitura superficiale, mantenendone le fattezze originali. Oltre al classico gres porcellanato e alle tradizionali piastrelle, le cucine odierne vengono presentate con materiali differenti, duraturi nel tempo e dallo stile impeccabile.



Paraschizzi in vetro: trasparenza e pulizia


Un paraschizzi in vetro è ottimale per chi non ama materiali troppo invasivi che potrebbero distogliere gli sguardi dalla cucina in cui vengono inseriti e alterarne lo stile scelto. Una velatura trasparente è invece perfetta per passare inosservati, pur assicurando le funzioni di praticità e protezione per le pareti posteriori a lavelli e fuochi.


Paraschizzi in vetro


Una variante interessante riguarda il vetro laccato, molto utilizzato nelle cucine contemporanee poiché ricreato in un’infinità di colori e misure, per rendere elegante, personalizzata e completa la zona cucina stessa garantendo, come per il vetro trasparente, sicurezza e facilità di pulizia.

Il paraschizzi in vetro è infatti uno tra i tanti che rassicura sul tema dell’igiene e della nitidezza. In poche mosse è fattibile ridonare brillantezza e luminosità a una superficie dal design minimale e moderno.


Paraschizzi in vetro laccato


Inoltre, trattato nel modo corretto a livello termico, salvaguarda la parete dalle alte temperature dovute alla vicinanza dei fornelli con pentole e teglie incandescenti.



Paraschizzi in marmo: eleganza e stile


Come in altri ambienti della casa, anche in cucina il marmo è ritornato in gran voga e il suo impiego riguarda un’infinità di utilizzi. La scelta del paraschizzi in questo materiale non può che conferire ulteriormente eleganza e stile a una cucina giù ricercata e di grande design dove è solitamente abbinato il piano di lavoro e il top del bancone isola se presente.

L’estetica che si viene a creare, con le particolari venature sia in soluzioni chiare che scure a seconda della pietra utilizzata, è ineguagliabile e anche chi ritiene che sia un materiale piuttosto freddo, non potrà che ricredersi osservando progetti meravigliosi di praschizzi in marmo trendy e molto attuali.


Cucina con paraschizzi in marmo


Questa tipologia di prodotto materico resiste notevolmente alle alte temperature e ad eventuali urti mentre per quanto riguarda la manutenzione ordinaria, è bene prestare particolare attenzione ai metodi di pulitura per non attuare interventi troppo energici e aggressivi che rovinerebbero il paraschizzi stesso. Inoltre, essendo un materiale piuttosto poroso e adatto ad assorbire liquidi e residui di cibo, con la conseguente formazione di macchie, sarà opportuno igienizzare costantemente la superficie per preservare il pregio di un elemento costoso ma incomparabile.


Paraschizzi in marmo: eleganza e stile



Paraschizzi in legno: inusuale ma d’effetto


Benché non venga quasi mai preso in considerazione per uno scopo come questo, il paraschizzi in legno, inusuale ma d’effetto, riesce ad aumentare il fascino di una cucina specialmente se inserito a contrasto con mobili e pensili di materiali differenti.

Il calore che il legno emana in modo naturale è assolutamente inimitabile e dona all’ambiente di casa in cui viene inserito una sensazione particolarmente coinvolgente dove tutto diviene familiare e confortevole. Come per altri materiali può essere accostato a elementi della medesima essenza (top e rivestimenti di ante) o a contrasto con ideazioni molto originali.


Cucina con paraschizzi in legno


E’ tuttavia molto delicato, specialmente impiegato in una zona con forti sollecitazioni di temperatura. Accorgimenti e precauzione vanno di pari passo per mantenere la zona superficiale pulita. Meglio optare per pannelli unici ed evitare giunti e fughe dove rimuovere macchie e sporcizia sarebbe pressoché impossibile.

Finiture particolari, opache o lucide, di vernici atossiche, contribuiscono a salvaguardare e proteggere maggiormente i paraschizzi in legno e a renderli ancor più resistenti e pratici da utilizzare.



Paraschizzi in acciaio: rigoroso e durevole


Durante le fasi di scelta di materiali e colori di una cucina si tenta di abbinare al meglio ogni sfumatura, stile e nuance per creare un armonico risultato che esteticamente soddisfi e che sia funzionale in ogni suo dettaglio. Un retro parete versatile che non provochi intoppi nell’immagine collettiva, ricade senza alcun dubbio in un paraschizzi in acciaio, rigoroso e durevole che ben si accompagna a combinazioni di ogni tendenza e gusto.


Cucina con paraschizzi in acciaio


Un materiale impiegato sia in cucine tradizionali che minimaliste con tutti i vantaggi in termini di funzionalità ed estetica. Un prodotto lineare senza raccordi né giunture con una facilità estrema da igienizzare. Ottimo utilizzato sino alla cappa o particolare nelle medie altezze. Austero ma non freddo e particolarmente apprezzato in una composizione con top e lavello incorporati dal design unico e razionale.



Paraschizzi in corian: tecnologico e di design


Uno tra i tanti prodotti presenti sul mercato, e più utilizzati attualmente per i paraschizzi, è il corian ovvero un materiale composito formato da 2/3 di idrossido di alluminio e 1/3 di resina acrilica con una resistenza eccelsa a qualsiasi tipo di sollecitazione. Anche per lui, come accade in altre soluzioni, è fondamentale il ricorso ad un pezzo unico, tecnologico e di design, sprovvisto di interruzioni per evitare l’accumulo di sporco, umidità, batteri e funghi.


Paraschizzi in corian: tecnologico e di design


Il suo aspetto opaco, caldo al tatto e morbido alla vista lo rende un prodotto bello e al contempo pratico, per nulla poroso e semplicissimo da pulire. E’ idrorepellente e resistente al calore e grazie a giunture finali di tipo concavo si evitano punti difficoltosi da igienizzare anche nel raccordo con il top orizzontale.

I colori proposti variano solitamente nelle gamme di bianchi e grigi anche se le ultime tendenze hanno aggiunto ulteriori colorazioni per soddisfare le richieste di mercato e offrire nuove proposte e idee sempre più innovative.


Cucina con paraschizzi in corian


Hai bisogno di un preventivo per il tuo progetto e i tuoi lavori?
Ricevi 4 preventivi gratuiti
Ricevi 4 preventivi gratuiti e senza impegno
Sei un professionista?
Inserisci la tua attività su Archisio
Registrati gratis
Vai su
Professionisti selezionati:
Cambia filtri
INVIA
Modifica filtri
Annulla