Menu

Microtopping, un nuovo modo di concepire i rivestimenti in casa

Visite ricevute
3161
Immagini dell'articolo
10
Commenti ricevuti
0

Idee per gli ambienti di casa: come inserire rivestimenti in microtopping


I rivestimenti in microtopping, o microcemento, sono una soluzione innovativa e oggi molto utilizzata in contesti domestici a cui conferisce maggiore ariosità. Questa nuova tipologia di finitura è ideale per dare un'immagine attuale agli ambienti e per rinnovare in maniera semplice e veloce. Si presenta infatti come un sottile rivestimento costituito da una miscela bicomponente che può essere applicato direttamente su una superficie esistente per trasformarla completamente in poco tempo e senza la necessità di effettuare demolizioni.

Con un rivestimento in microtopping si ottengono pavimenti e superfici verticali senza soluzione di continuità, privi di fughe e con un aspetto inconfondibilmente contemporaneo. Inoltre è possibile applicare questo prodotto anche su mobili e piani di lavoro per dare loro una nuova finitura.


pavimento microtopping


La superficie ottenuta applicando il microtopping é liscia e piacevole al tatto. Apparentemente è uniforme ma guardandola da vicino si può osservare come la presenza di variazioni cromatiche che non seguono uno schema predefinito e la matericità data dalle diverse componenti rendono questo materiale affascinante e mai noioso. Si possono avere non solo diverse sfumature di colore ma anche svariati effetti decorativi in parte dovuti alla tecnica e quindi alla manualità del posatore.

Grazie a queste caratteristiche estetiche l'utilizzo del microtopping è molto versatile e si presta ad infinite applicazioni, garantendo risultati di ottima qualità se posato a regola d'arte.


microtopping spatolato



Microtopping: composizione e caratteristiche 


La composizione del microcemento si base sulla miscela di materiale cementizio, resine e componenti polimeriche allo stato liquido. Una volta applicato, a parete o a pavimento, il suo spessore non supera i 3 mm e diventa uno strato molto solido e resistente.

Si può applicare su vecchie piastrelle in ceramica, andando a riempire tutte le fughe per dare un aspetto perfettamente omogeneo. Oltre che sulla ceramica il microtopping si può applicare anche su superfici in legno oppure direttamente su una base in calcestruzzo o in cartongesso. È possibile inoltre posare il microtopping senza problemi anche su pavimenti radianti poiché non impedisce il passaggio del calore e non subisce danni.

È anche un materiale è eco-compatibile e non rilascia sostanze nocive nell'aria indoor.


microtopping per interni ed esterni


Per ottenere superfici sempre uniche, alla composizione del microcemento si possono aggiungere altri elementi. Per dare dei colori particolari nella miscela si possono inserire pigmenti o coloranti da dosare in modo da creare il colore desiderato. Si può personalizzare anche con l'aggiunta di inserti decorativi che aiutano ad avere una finitura veramente esclusiva. 

Il microtopping si presta alla realizzazione di texture differenti, con grane più o meno sottili, e consente di realizzare effetti come lo spatolato o il nuvolato. Con la finitura superficiale, opaca o lucida, si caratterizza ulteriormente l'aspetto del rivestimento.

Non ci sarà mai una superficie uguale ad un'altra, ognuna è irripetibile grazie alla variazione delle componenti e all'applicazione manuale.



Microtopping: pro e contro


L'applicazione di rivestimenti in microcemento naturalmente ha vantaggi e svantaggi. Tra i pro c'è indubbiamente la continuità delle superfici ottenute, sempre molto sofisticata in qualsiasi genere di ambiente. Uno dei principali vantaggi del microtopping è la possibilità di rinnovare vecchie superfici senza effettuare lavori di demolizione. Questo significa massima pulizia, poiché non si produce la fastidiosa polvere di cantiere, e rapidità nel completamento dell'intervento. Il microtopping è quindi un alleato delle ristrutturazioni rapide ma efficaci, con la possibilità di contenere anche i costi.


pavimenti in microcemento


Pochi invece i contro di questa soluzione che possono emergere soprattutto se si paragona il microtopping ad altre tipologie di rivestimenti. Ad esempio, si può dire che è un materiale che dona agli ambienti un aspetto un po' freddo a causa della sua presenza monolitica. Un ulteriore svantaggio è la necessità di affidarsi ad un posatore esperto e quindi l'impossibilità di poter risparmiare sui costi della manodopera. 

Un altro svantaggio molto importante considerare è la necessità di applicare il microtopping solo quando il supporto è in perfette condizioni, essendo un materiale aderente alla superficie. Per cui se ci sono cedimenti, crepe o instabilità occorre effettuare un intervento per ripristinare la situazione. 


rivestimenti contemporanei effetto cemento



Microtopping negli ambienti di casa


Considerate le caratteristiche estetiche e funzionali del micropopping si può affermare che è un materiale da applicare in ambienti di qualsiasi genere.

Dal punto di vista estetico si concilia molto bene con un arredamento dallo stile moderno o contemporaneo, dove esalta le linee essenziali. Dagli spazi più minimalisti a quelli con stile industriale il microtopping costituisce sempre un'ottima opzione. 

Anche con stili più tradizionali, classici o rustici, il microtopping riesce a dare buoni risultati essendo in sostanza un rivestimento abbastanza neutro.


superfici in microcemento


Il microtopping si può posare anche in ambienti della casa come bagno e cucina poiché non teme l'umidità ed si può personalizzare in modo da creare una superficie antiscivolo. 

La possibilità di applicarlo sia su superfici verticali che orizzontali permette di ottenere continuità tra differenti piani. Si può applicare inoltre anche su superfici curve di qualsiasi genere.

Essendo molto resistente agli agenti atmosferici ed ai raggi UV è adatto anche alla posa in ambienti esterni e grazie alla resistenza all'usura e ai graffi si può utilizzare anche per rivestire zone ad alto passaggio come le scale.


posare microtopping casa



Microtopping: pulizia e manutenzione


L'assenza di fughe e giunzioni semplifica la pulizia delle superfici con rivestimento in microtopping. Pavimenti, pareti ed altre superfici sono più igieniche poiché la continuità del materiale evita la formazione di muffe e batteri. 

Questo rivestimento è anche perfettamente impermeabile ed acquisisce proprietà antimacchia grazie allo strato protettivo superficiale. 

La normale pulizia con detergenti delicati permette di mantenerlo a lungo in condizioni ottimali. Non sono necessari invece interventi di manutenzione extra. Un altro motivo in più per cui scegliere questo materiale innovativo per la propria casa.


microtopping grigio



Microtopping: posa e costi


La posa effettuato da posatori specializzati si articola nella realizzazione di diversi strati. Prima della'applicazione si parte dalla preparazione del sottofondo per poi applicare un primer. In alcuni casi per dare maggiore stabilità si può inserire una rete in fibra.In seguito il posatore esegue la posa di più strati di microtopping utilizzando una spatola. Infine per completare la finitura viene eseguita la carteggiatura della superficie e l'applicazione di un trattamento protettivo. Si tratta di una posa a carattere artigianale che richiede una formazione specifica.


microtopping beige


La posa avviene quindi in opera e può richiedere diversi giorni per l'applicazione, a seconda della metratura da coprire e della complessità dell'effetto decorativo desiderato.

I costi per l'applicazione del microtopping sono mediamente di circa 80€/mq. Trattandosi di superfici continue, il costo diminuisce con l'aumentare della metratura degli ambienti da rivestire.


microtopping nuvolato


Hai bisogno di un preventivo per il tuo progetto e i tuoi lavori?
Ricevi 4 preventivi gratuiti
Ricevi 4 preventivi gratuiti e senza impegno
Sei un professionista?
Inserisci la tua attività su Archisio
Registrati gratis
Vai su
Professionisti selezionati:
Cambia filtri
INVIA
Modifica filtri
Annulla