Menu

Cucina in stile shaker: semplicità raffinata

Visite ricevute
151
Immagini dell'articolo
10
Commenti ricevuti
0

Stile shaker in cucina: cosa c’è da sapere


Rigorosa, essenziale ed ordinata: bastano questi tre aggettivi per riassumere in modo efficace il carattere delle cucine in stile shaker. Una tendenza di interior design che porta alla ribalta una filosofia di vita prima che uno stile di arredo, affermatasi alla fine del '700 in America ma con radici provenienti dall'Inghilterra. Lo stile shaker si riallaccia infatti ad una società religiosa appartenente ad un ramo calvinista puritano che viveva in grandi comunità e si caratterizzava per ideali molto austeri e la creazione di norme severe da rispettare. Questa cultura religiosa e questi valori si andavano a ripercuotere anche nell'arredamento delle case. Molti elementi d'arredo erano autoprodotti dagli stessi shaker utilizzando il legno ed erano realizzati nella maniera più funzionale possibile, senza alcun elemento ornamentale. Inoltre ogni elemento doveva avere una propria funzione mentre ciò che è non aveva un'utilità specifica non trovava posto in una cucina in stile shaker.


cucina in stile shaker


La cucina shaker era un ambiente molto essenziale nelle linee. Secondo i principi a cui questa comunità era fedele l'arredamento doveva essere ineccepibile dal punto di vista estetico, elegante ed allo stesso tempo efficiente ed economico.

Probabilmente si è trattato di un'anticipazione ante litteram di quello che sarebbe stato poi il minimalismo o lo stile nordico.

In una nuova forma, attualizzata in chiave contemporanea, questo stile è divenuto una tendenza di interior design che si distingue per la ricerca della semplicità attraverso l'uso di elementi genuini. Grazie all'applicazione dei principi shaker si ottengono ambienti dal sapore raffinato che producono un'atmosfera accogliente.


mobili cucina shaker


Riassumendo, affinché una cucina rifletta lo stile shaker è indispensabile che sia realizzata con:

  • prevalenza di elementi artigianali;
  • forme essenziali e senza tempo;
  • materiali durevoli e di qualità.



Cucina in stile shaker: disposizione funzionale


Nel rispetto delle tradizioni shaker la cucina era un ambiente ampio ed aperto. Poiché svolgevano una vita di comunità la stanza aveva spazio sufficiente per includere sempre una comoda sala da pranzo dove era presente un grande tavolo per ospitare un gran numero di commensali. Anche le sedie intorno avevano un design molto semplice, con schienali alti a scala doppiamente utili perché venivano sfruttati per appendere giacche e borse senza che sfiorassero il pavimento. La cucina shaker moderna riprende questa predilezione per gli open space che si aprono sulla zona giorno.


cucina open space


Essendo ideata per spazi ampi, la cucina in stile shaker presuppone una distribuzione razionale delle diverse aree funzionali. Gli arredi sono disposti nello spazio in maniera ordinata ed estremamente equilibrata. Si favorisce in questo modo il comfort nell'utilizzo ma anche un'immagine particolarmente armoniosa.


cucina shaker



Cucina in stile shaker: per quali materiali optare


Il legno è in assoluto il materiale da prediligere per realizzare una cucina in perfetto stile shaker. Le essenze devono essere di qualità come rovere, faggio, ciliegio o acero mentre le lavorazioni artigianali consentono di valorizzare questa pregiata materia prima. I mobili shaker hanno un design che privilegia la simmetria e non prevede la presenza di decorazioni. 


mobili cucina shaker


Anche i pomelli e le maniglie nelle cucine originali shaker erano in legno, ma nelle versioni attuali si propende per prodotti in in acciaio o ottone sempre con un aspetto molto essenziale. 

Per i piani di lavoro che devono essere lasciati il più possibile sgombri è importante scegliere materiali resistenti e duraturi ma anche che diano un aspetto elegante. Sono perfetti top in marmo o in granito ma anche in materiali innovativi ideati per unire le massime prestazioni funzionali ad un'estetica gradevole e alla sostenibilità ambientale.


ante cucina shaker



Cucina in stile shaker: quali colori scegliere


Per quanto riguarda il colore delle pareti un'ottima soluzione è costituita dall'applicazione di una pittura bianca, anche tendente all'avorio o al grigio. 

Per i mobili in legno invece è fondamentale che la finitura sia opaca mentre i colori, seguendo le cucine shaker originali, sono limitati ad una palette che comprende il rosso, il giallo, il blu ed il verde. Nella versione contemporanea a questa palette si aggiungono tonalità più tenui e neutre, come il beige, il crema ed i grigi, chiari o scuri. 


cucina con isola



Cucina in stile shaker: arredi per avere ordine e praticità


La semplicità dello stile shaker si riflette nella ricerca quasi maniacale dell'ordine e della praticità. L'interno della cucina è sempre impeccabile grazie alla presenza di mobili che consentono di organizzare e trovare un posto per ogni singolo elemento. Si preferiscono dunque arredi capienti con una organizzazione accurata dello spazio interno. Molto ricorrenti elementi d'arredo multiuso o che hanno un utilizzo versatile.

Nella cucina di ispirazione shaker inoltre sono presenti molteplici mobili che consentono di riporre ogni cosa mantenendo l'ordine necessario. Quindi spazio a capienti mobili dispensa e credenze di vario genere. Spesso i classici pensili sono sostituiti da più semplici piattaie e grosse mensole che pongono a vista le stoviglie, permettendo di organizzarle seguendo schemi rigorosi. Per questo è imprescindibile che siano sempre perfettamente in ordine.


cucina moderna elegante


Un elemento tipico delle case shaker, sempre presente anche nelle cucine sono le spalliere fissate al muro che prendono il nome di "peg rail" o "shaker rail". Si tratta di particolari appendiabiti con pomelli che integrano la funzione di scaffale e che venivano utilizzati per organizzare diversi tipi di oggetti. Anche le sedie venivano appese per liberare i pavimenti ed agevolare la pulizia e persino oggetti come orologi o piccoli armadietti.



Cucina in stile shaker: accessori iconici e utili


All'interno di una cucina in stile shaker si fa grande utilizzo di accessori realizzati in maniera artigianale. Ad esempio, un grande tagliere in legno è un autentico must have per ambienti progettati secondo questi canoni, da utilizzare anche come uno dei pochi elementi decorativi a vista.

Per quanto riguarda gli elementi tessili, nello spirito dello stile shaker si privilegiano fibre naturali come cotone, lino e canapa in colorazioni neutre, in piena sintonia con l'autenticità dell'insieme.


idee d'arredo per la cucina


Come abbiamo visto anche la cucina contemporanea in stile shaker si distingue per un aspetto rigoroso e con pochi accessori a vista.

Iconiche le ante ed i frontali dei cassetti della cucina shaker che si caratterizzano per un disegno rigoroso, con un pannello centrale piatto e bordi squadrati, mentre i dettagli sono appena accennati. 


idee cucina shaker


Arredare una cucina in stile shaker presuppone il rispetto di questi principi ma si può dare maggiore flessibilità, per personalizzare l'ambiente e per la necessità di adattarsi a spazi di dimensioni contenute.

Hai bisogno di un preventivo per il tuo progetto e i tuoi lavori?
Ricevi 4 preventivi gratuiti
Ricevi 4 preventivi gratuiti e senza impegno
Sei un professionista?
Inserisci la tua attività su Archisio
Registrati gratis
Vai su
Professionisti selezionati:
Cambia filtri
INVIA
Modifica filtri
Annulla