Menu

Box doccia: aperture differenti per il proprio bagno

Visite ricevute
376
Immagini dell'articolo
10
Commenti ricevuti
0

Tipologie di apertura per il box doccia del bagno


Soluzioni contemporanee e attuali propongono un trend innovativo e sensazionale a livello estetico, dove nella progettazione di un bagno viene inserita una doccia priva di chiusure su più lati, denominata walk in. Una tra le ultime tendenze nel settore, in cui non esiste alcun tipo di schermo ma tutto è open o delimitato semplicemente da una porzione di parete trasparente fissa, leggera e praticamente impalpabile.

La maggior parte delle persone però, sente ancora l’esigenza di possedere il classico box doccia, contraddistinto dall’impiego di aperture, molto più pratiche per contenere acqua, sapone e shampoo, durante la fase di utilizzo.


Tipologie di apertura per il box doccia del bagno


Le differenti tipologie proposte dai migliori professionisti nel mondo bagno, rispondono alle svariate necessità delle persone che devono acquistare un box doccia, oltre a connotare in modo unico lo stile e l’estetica di una zona di servizio che dovrà essere funzionale e bella da vedere.

Quattro sono le qualità principali che caratterizzano i diversi tipi di apertura delle cabine doccia e che vanno ponderati durante la fase di progettazione e scelta:

  • la misura del vano;
  • il materiale della componente trasparente;
  • lo spessore della componente trasparente;
  • il materiale del profilo.

In base a queste peculiarità, alla posizione del box doccia e allo stile che desideriamo ricreare nel nostro bagno, sarà immediato indirizzarsi verso un’apertura piuttosto che un'altra e vagliare con calma le opzioni proposte dagli esperti del settore.


Box doccia: aperture differenti per il proprio bagno



Box doccia: apertura a battente singolo


Una proposta di stile contemporaneo, dal design accattivante e moderno, è l’apertura del box doccia con anta a battente. Questa soluzione è sicuramente una tra le più scelte data la bellezza estetica che caratterizza doccia e bagno oltre alla funzionalità di ingresso e uscita della cabina e alla praticità nell’igienizzazione della parete vetrata rispetto, ad esempio, ad un’anta scorrevole.


Box doccia: apertura a battente singolo


I modelli presentati da designer e produttori, prevedono aperture consone per qualsiasi dimensione del vano doccia. Se la grandezza rientra entro certi standard, la porta è unica e potrà aprirsi completamente ruotando sui cardini posizionati indifferentemente a sinistra o a destra dello stipite della doccia stessa.

Quando invece le misure sono più importanti, ma non si vuole rinunciare ad avere comunque un battente singolo, si può ovviare a tale problema con l’inserimento di una o due parti laterali fisse con al centro una bellissima e capace porta trasparente.


Box doccia: apertura a battente singolo con parti fisse


Una piccola avvertenza: con un box doccia dotato di apertura a battente singolo, esiste la possibilità che un po' di acqua sgoccioli all’esterno quando la porta viene fatta ruotare. Farsi montare un pratico, ma antiestetico salvagoccia, è una delle opzioni da valutare, ma posizionare un comodo, morbido ed efficiente tappetino all’esterno del piatto doccia, potrà servire a più scopi: evitare di bagnare la pavimentazione del bagno e prevenire pericolose scivolate e cadute.


Apertura a battente singolo per il box doccia



Box doccia: apertura a battente angolare


Un box con apertura a battente angolare non sempre implica che lo spazio dedicato alla doccia sia necessariamente stipato nella parte più angusta di un bagno. E’ naturale che questa preferenza venga data se l’area ad angolo a disposizione sia l’unica disponibile dove inserire questa funzione ma dove si voglia comunque mantenere un certo stile con porte vetrate attuali e alla moda.


Box doccia: apertura a battente angolare


In casi particolari, dove si hanno dimensioni tali da poter progettare delle cabine doccia importanti, magari con soffioni con getto idromassaggio, panche per potersi rilassare e superficie sufficiente da poter usufruire anche in due o con i bambini, un’apertura a battente angolare che concluda l’ampio perimetro trasparente è la scelta più opportuna da valutare e inserire. Elegante, minimal, utile e funzionale!



Box doccia con apertura a doppio battente


Nel concludere la carrellata di aperture a battente utilizzate per delimitare un box glamour e chic, ecco che vi presentiamo la soluzione che riguarda docce di grandi dimensioni e che prediligono addirittura una doppia anta utilissima per coprire l’ampiezza di un vano dalle importanti misure.


Box doccia con apertura a doppio battente


Questa tipologia di scelta implica che non solo la doccia stessa occupi uno spazio di notevoli dimensioni, ma che anche il bagno possieda un’estensione tale da favorire agevolmente l’apertura a doppio battente per questa luce così ampia da gestire. Il risultato? Splendido e unico nel suo genere, anche per la possibilità di personalizzare i vetri impiegati e le maniglie da abbinare.



Box doccia: apertura scorrevole circolare


Un’altra modalità di apertura da associare ad un box doccia, riguarda le aperture scorrevoli, dotate di binari installati a filo pavimento, se la progettazione non prevede l’inserimento di un piatto, o al contrario direttamente sul suo bordo. A seconda della forma di quest'ultimo è possibile avere geometrie differenti che riguardano la forma della porta.


Box doccia: apertura scorrevole circolare


Pratici perché meno ingombranti e più sicuri perché senza spigoli e arrotondati, sono i box doccia con un lato curvilineo, dove un apertura scorrevole circolare trova la sua perfetta collocazione. Ottimizzazione dello spazio e buon compromesso qualità/prezzo, sono le peculiarità che fanno propendere molti di noi verso l’acquisto di queste porte, trasparenti o satinate, con un’ottima durata nel tempo.



Box doccia con apertura laterale scorrevole


Se si possiede un bagno di piccole dimensioni, l'apertura con anta laterale scorrevole è una tipologia molto apprezzata, in special modo se il piatto doccia risulta molto lungo e stretto. Come affermato in precedenza i binari di scorrimento possono essere posizionati anche in modo diretto a terra, garantendo una perfetta tenuta dell’acqua. Lo spazio dell’anta che si apre è ampio e agevola l’ingresso e l’uscita dalla doccia. Non vi sono ingombri né verso l’esterno né all’interno del box dove tutto risulta ben dimensionato e proporzionato.


Box doccia con apertura laterale scorrevole


Un piccolo neo riguarda il lavaggio e la pulizia nella parte sottostante il binario e nelle intercapedini dei profili delle ante, che a differenza delle aperture a battente lisce, presentano invece delle scanalature dove sapone e acqua possono creare delle piccole incrostazioni. Nella maggior parte dei casi è sufficiente igienizzare con detergenti a spruzzo che riescono ad inserirsi anche nei punti più difficoltosi da raggiungere e sciogliere lo sporco residuo, ma è bene munirsi anche di sottili scovolini, adattissimi allo scopo.



Box doccia con apertura scorrevole ad angolo


Ultima tipologia di apertura per un box doccia, conosciuta e ampiamente utilizzata, è quella con doppio scorrimento ad angolo. Possiede tutte le caratteristiche sopra citate delle aperture scorrevoli generiche e si possono trovare in commercio realizzate in differenti materiali e finiture adattabili ad ogni scelta stilistica con cui si intende realizzare il proprio bagno.


Box doccia con apertura scorrevole ad angolo


In pvc o in acciaio, bianco o colorato, lucido o satinato, questo vano doccia ben si armonizzerà con l’estetica di una bath room bellissima, funzionale e di tendenza. 


Hai bisogno di un preventivo per il tuo progetto e i tuoi lavori?
Ricevi 4 preventivi gratuiti
Ricevi 4 preventivi gratuiti e senza impegno
Sei un professionista?
Inserisci la tua attività su Archisio
Registrati gratis
Vai su
Professionisti selezionati:
Cambia filtri
INVIA
Modifica filtri
Annulla