Menu

Bagno cieco: ristrutturare in modo intelligente e con stile

Visite ricevute
3232
Immagini dell'articolo
10
Commenti ricevuti
0

Come riprogettare un bagno dal design ricercato senza finestre


In moltissime abitazioni, sia di nuova concezione che in meno recenti, è usuale trovare delle sistemazioni interne che abbiamo previsto l’inserimento di un bagno cieco, voluto o meno, ma che può diventare un punto di forza in casa, ristrutturandolo in modo intelligente e con stile.

Benché la normativa italiana preveda che ciascun ambiente abitabile debba necessariamente essere provvisto di almeno una finestra, viene invece fatta un'eccezione per il bagno della casa, che può esserne sfornito a patto che al suo interno vi siano sistemi tecnologici e meccanici, impiegati per il ricircolo e il ricambio dell’aria.


Come riprogettare un bagno dal design ricercato senza finestre


Riprogettare un bagno senza finestre con un design ricercato e che risulti funzionale implica una serie di valutazioni in fase di preparazione del progetto.

Innanzitutto vanno definite le dimensioni e la collocazione di tale ambiente di servizio. Quasi sempre questi spazi contenuti, sono la rimanenza di metrature lasciate inutilizzate in casa, riconvertite ad uso di servizio, di solito al piano terra, o come bagni per gli ospiti nella zona notte. Dotati di pochi ma pratici elementi diventano un utilissimo aiuto quando in casa vi è un solo bagno e con qualche piccolo escamotage e ritocco si possono trasformare in luoghi versatili per ospitare anche funzioni differenti, come mini ripostigli.


Bagno cieco: ristrutturare in modo intelligente e con stile


Non tralasciare la parte estetica di un bagno cieco è però fondamentale se si vuole davvero rinnovarne il look, per renderlo un ambiente oltreché efficiente, bello e accogliente.



Bagno cieco: valuta i pro e i contro


Prima di iniziare una fase concreta di ristrutturazione è necessario esaminare i pro e i contro di un bagno cieco, per valutare l’effettiva fattibilità di iniziare un progetto di rinnovo di tale spazio. Vediamone insieme alcuni.

Mantenere un bagno senza finestre offre alcuni vantaggi:

  • l’opportunità di sfruttare al meglio una stanza esistente ma a volte poco considerata o utilizzata come mero sgabuzzino porta tutto;
  • l’utilità di gestire un luogo di servizio a portata di mano dove poter inserire altre mansioni (se la metratura lo consente), come una zona lavanderia;
  • la possibilità di diventare uno spazio privato per una camera da letto padronale e migliorare il quotidiano utilizzo di un unico grande bagno a disposizione di tutta la famiglia;
  • l’effettivo aumento del valore dell’abitazione per la presenza di un secondo bagno, che se ottimizzato e valorizzato non potrà che essere di aiuto in una eventuale e futura vendita.


Bagno cieco: valuta i pro



Per quel che riguarda gli svantaggi possiamo invece annoverare:

  • le problematiche relative allo smaltimento di vapori e umidità, e dove anche il più piccolo ristagno di acqua può rivelarsi deleterio per la formazione di muffe e funghi;
  • le difficoltà dovute ad una tipologia di illuminazione artificiale che rispetto ad una naturale pone dei limiti sull’intensità che cambia durante la giornata e sull’angolazione dei raggi del sole che si rifrangono in maniera diversa a seconda di come entrano nel bagno;
  • la mancanza di un sistema di areazione non forzato, che implica una serie di lavori per garantire un corretto inserimento di apparecchiature atte a sopperire a tale funzione.

Una volta bilanciati gli aspetti positivi e negativi di un bagno cieco sarà più semplice far propendere la bilancia verso una scelta di ristrutturazione consapevole e adatta per le esigenze di ciascuno caso.


Bagno cieco: valuta i contro



Consulta la normativa per un bagno senza finestre


Quando ci si appresta a dover ripensare ad un bagno senza finestre, è sicuramente consigliabile consultare in autonomia o sotto supervisione di un professionista, la normativa vigente in tale ambito.

Secondo il Decreto ministeriale della Sanità del 5 luglio 1975, un bagno di un’abitazione può essere cieco solamente se questa presenta una metratura limite di 70 mq e un’unica camera da letto. Questo ambiente di servizio dovrà essere inoltre provvisto di un sistema di aspirazione forzata sempre acceso oppure attivabile con interruttore, a seconda della portata dell'impianto installato.


Normativa per un bagno senza finestre


Deve comunque assicurare un coefficiente di ricambio dell’aria minimo di 6 volumi/h in espulsione continua oppure di 12 volumi/h se a intermittenza.

E’ invece tramite le disposizioni indicate nel Regolamento Edilizio Comunale, che si possono conoscere le dimensioni minime che deve possedere un bagno cieco e che indicativamente ricadono nei 3,5 mq per il primo ambiente di servizio e 2 mq per il secondo. Vi sono tuttavia molteplici varianti e regole a livello di altezze, rivestimenti e disposizioni, che è preferibile ricorrere all’aiuto di un tecnico per evitare sbagli che si ripercuoterebbero nella fase esecutiva dei lavori.


Normativa per un bagno cieco



Bagno cieco: utilizza colori e finiture chiare


A livello di immagine e per farlo sembrare più arioso e spazioso, è indicativamente più consigliato utilizzare colori e finiture chiare in fase di ristrutturazione e relooking. Piastrelle neutre e mobili in materiali naturali sono in grado di ampliare notevolmente l’ambiente, rendendolo bello e accattivante e con un design pulito ed elegante al contempo.

Varianti sul tema e personalizzazioni, sono naturalmente fattibili e con qualche azzardo a livello di decoro, il vostro bagno cieco saprà sicuramente stupire e diventare un piccolo gioiellino di casa.


Bagno cieco: utilizza colori e finiture chiare



Bagno cieco: crea un’illuminazione artificiale ad hoc


Come abbiamo già osservato, la mancanza di un’illuminazione naturale non è da sottovalutare in un bagno cieco e la ristrutturazione di tale ambiente dovrà essere perfetta anche dal punto di vista dell’inserimento dei vari punti luce.

Ipotizzare il classico lampadario a centro stanza, è riduttivo benché a volte le dimensioni della stanza siano contenute. Creare invece un sistema completo sia verticale che orizzontale, aiuterà a valorizzare ogni zona del bagno se attivata con interruttori a sé stanti, che potranno dare l’opportunità di scegliere come impiegare la luce, a seconda della mansione che si dovranno svolgere.


Bagno cieco: crea un’illuminazione artificiale ad hoc


Un’illuminazione proveniente da varie angolazioni, preferibilmente ad intensità calda, sarà ottimale per sottolineare aspetti costruttivi peculiari e complementi d’arredo particolari, garantendo in concomitanza una maggiore ospitalità e accoglienza nell’intero spazio.



Utilizza un sistema di aerazione puntuale ed efficace


In fase di ristrutturazione di un bagno cieco è fondamentale capire quale sarà il migliore sistema di aerazione da scegliere e che aiuterà a mantenere sano ed efficiente questo ambiente nel corso del tempo.

Tre sono gli elementi essenziali da considerare:

  • la metratura del bagno: è indispensabile stabilire le dimensioni del bagno stesso per consentire un ricambio continuo di aria che sarà proporzionale alla grandezza della stanza.  Maggiori sarà l’estensione più elevata dovrà essere la potenza del motore dell’aspiratore;
  • la discrezione e l’estetica dell’aspiratore: se l’intento è quello di rinnovare il look di un bagno cieco è naturale che design e stile non potranno essere messi da parte. Questo implica che anche i modelli di aerazione dovranno essere puntuali ed efficaci ma anche piacevoli a livello visivo;
  • la rumorosità dell’apparecchio: durante la fase di funzionamento è a volte davvero fastidioso sentire il costante cigolio delle ventole appartenenti al sistema aspirante. Considerare i decibel per un bagno cieco non è pertanto un’operazione da sottovalutare.


Utilizza un sistema di aerazione puntuale ed efficace


Le varie schede tecniche saranno in grado di soddisfare ogni dubbio e perplessità in merito ad un acquisto ponderato, che sarà naturalmente ottimizzato dall’esperienza e competenza da parte del nostro professionista di fiducia.

I costi? L’apparecchiatura di per sé ha pressi relativamente contenuti e che variano in base alla grandezza e al brand. Oltre a ciò vanno tuttavia valutati i lavori di installazione, collegamento all’impianto elettrico e realizzazioni di condutture per il passaggio dei tubi che fanno fuoriuscire l’aria. Un budget che solamente con un preventivo ad hoc è possibile stabilire.


Bagno cieco: sistema di aerazione puntuale ed efficace


Hai bisogno di un preventivo per il tuo progetto e i tuoi lavori?
Ricevi 4 preventivi gratuiti
Ricevi 4 preventivi gratuiti e senza impegno
Sei un professionista?
Inserisci la tua attività su Archisio
Registrati gratis
Vai su
Professionisti selezionati:
Cambia filtri
INVIA
Modifica filtri
Annulla